Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Patrimonio / Aree Peep e Convenzionate / Riscatto (parziale e totale) della piena proprietà di aree peep già concesse in diritto di superficie e modifica dei vincoli delle aree peep ed extra peep cedute in proprietà ai sensi della legge 448/98.
Patrimonio

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Riscatto (parziale e totale) della piena proprietà di aree peep già concesse in diritto di superficie e modifica dei vincoli delle aree peep ed extra peep cedute in proprietà ai sensi della legge 448/98.

A norma dell'art. 31, commi 45-50 della Legge 23 dicembre 1998 n. 448 (legge finanziaria 1999):

  • i proprietari di un alloggio o altra unità immobiliare peep costruito su terreno concesso in diritto di superficie possono diventare proprietari del suolo;
  • i proprietari di un alloggio o altra unità immobiliare peep o extra peep (cioè aree fuori dal peep che hanno però i medesimi vincoli) ceduto in diritto di proprietà possono modificare i vincoli riguardanti la vendita o la locazione.

Chi desidera convertire il diritto di superficie in piena proprietà o modificare i vincoli relativi alla vendita e locazione degli alloggi ceduti in proprietà deve versare al Comune un corrispettivo di RISCATTO PARZIALE e sottoscrivere una convenzione della durata di 20 anni meno il tempo già trascorso dalla originaria convenzione (che non è il rogito di acquisto, ma il contratto con cui il Comune concede/cede l'area all'impresa, oppure direttamente al privato).

Con la nuova convenzione, durante il residuo periodo di validità, il cittadino si impegna a vendere e affittare il proprio immobile a prezzi determinati dal Comune. Decorso tale termine, non esistono più vincoli di sorta sulla casa, se non quelli previsti dalle norme edilizie ed urbanistiche vigenti.

I proprietari possono, prima dei 20 anni, pagando un ulteriore corrispettivo di riscatto totale, stipulare un’unica convenzione per trasformare il titolo giuridico da diritto di superficie a proprietà ed eliminare completamente i vincoli su vendita e locazione dell’immobile

Le operazioni di riscatto parziale e di riscatto totale sono consentite in qualunque momento ai cittadini che hanno comprato o costruito immobili a destinazione residenziale, commerciale o produttiva nel peep, purché siano trascorsi 5 anni dalla data del primo trasferimento dell’immobile.

La piena proprietà può essere acquisita anche da un solo condomino per quote millesimali.

Modalità di richiesta

La domanda si presenta compilando il modulo predisposto dal Servizio Patrimonio - Ufficio trasformazione del patrimonio ed inventario - Ufficio Riscatti PEEP, corredato da marca da bollo del valore di 16,00 euro. il modulo relativo è scaricabile al seguente indirizzo http://www.comune.modena.it/patrimonio/documenti-patrimonio/modulistica/domanda-di-riscatto-parziale_totale-peep

Documentazione da allegare in fotocopia
  • Atto di acquisto (rogito, donazione, dichiarazione di successione, ecc..).
  • Planimetrie catastali aggiornate.
  • Fatture di miglioria per gli immobili costruiti da meno di 20 anni.
Tempi di risposta

Entro 60 giorni dal ricevimento della domanda (salvo problemi derivanti da rettifiche catastali delle aree interessate) il Comune comunica la cifra da corrispondere e richiede l'ulteriore documentazione necessaria. Dopo l'accettazione definitiva da parte del richiedente (da consegnare al Comune entro 45 gg dal ricevimento dei relativi moduli), entro i successivi 30 gg, viene approvata la nuova convenzione.

Normativa di riferimento
  • Legge 448/1998 (legge finanziaria 1999) art. 31, commi 45-50
  • Delibera del Consiglio Comunale n. 55 del 18 luglio 2013
  • Delibera della Giunta Comunale n. 344 del 27 luglio 2013
  • Delibera della Giunta Comunale n. 731 del 29 dicembre 2015
Data dell'ultimo aggiornamento:
14/11/2016
Dove Rivolgersi
Via Santi, 40
Tel: 059/2032366 - 059/2032204 - 059/2032212
lunedì e giovedì 8.30-13.00 e 14.30-18.00. ATTENZIONE! Misure urgenti di contenimento del contagio da Covid-1 L'Ufficio è chiuso. Si invitano i cittadini amtteresi in contatto con l'ufficio telefonicamente o via email