Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

La sicurezza stradale

Al pari della sicurezza urbana anche la sicurezza stradale è il risultato di politiche intersettoriali che si muovono su diversi piani: monitoraggio e analisi quantitativa e qualitativa degli eventi incidentali; attività di prevenzione, sensibilizzazione, formazione; controlli; puntuali interventi strutturali e infrastrutturali.

In coerenza con gli obiettivi del Piano Sicurezza Stradale presentato al Consiglio Comunale il 27 novembre 2014 le linee strategiche perseguite sono le seguenti:

  • migliorare le condizioni ambientali e infrastrutturali per la sicurezza degli utenti della strada (potenziamento piste ciclabili, messa in sicurezza delle intersezioni, manutenzione delle strade, progettazione secondo criteri di sicurezza) ponendo particolare attenzione all'utenza debole (ciclisti, pedoni, ciclomotori, anziani) e alle zone a rischio (prossimità plessi scolastici, intersezioni, quartieri residenziali, ecc.)‏

  • potenziare interventi mirati di controllo e di carattere sanzionatorio.

  • promuovere una cultura della sicurezza e della convivenza di tutti gli utenti della strada attraverso interventi di informazione, formazione ed educazione stradale al fine di promuovere comportamenti corretti, autotutelanti e consapevoli rispetto ai rischi per sé e per gli altri, coordinati tra i soggetti coinvolti.

  • sensibilizzare alla mobilità sostenibile prevedendo anche azioni per incentivare l'utilizzo di mezzi alternativi a quelli motorizzati.

  • migliorare il monitoraggio degli incidenti stradali attraverso una maggiore integrazione delle banche dati disponibili, al fine di disporre di maggiori informazioni sulle dinamiche degli eventi accidentali e sui conseguenti danni sociosanitari, oltre che di orientare gli interventi di prevenzione.

Un costante monitoraggio dei fenomeni al fine di individuare i punti deboli e gli elementi quantitativi e qualitativi degli eventi incidentali si effettua attraverso:

  • analisi dei dati georiferiti degli incidenti con il sistema City Treck del Comune di Modena che consente la produzione di mappe del fenomeno, anche tematiche (es: mappa incidenti che coinvolgono utenza debole) e di mettere in relazione i fenomeni incidentali di un'area con i fattori ambientali.

  • analisi qualitative che consentano di elaborare interventi di dettaglio sui tre ambiti di azione: controllo, prevenzione (formazione, sensibilizzazione, comunicazione), infrastrutture.