Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Quale futuro per le politiche di sicurezza urbana

7-8 Giugno 2018

Sede del Convegno: Aula Magna Università Dipartimento Giurisprudenza
Modena 
Via S.Geminiano 3, Modena

Convegno Nazionale 

Il Comune di Modena, il Forum Italiano per la Sicurezza Urbana, l’Università di Modena e Reggio Emilia – Dipartimento di Giurisprudenza, ad oltre 20 anni dalla nascita in Italia di programmi di politiche locali di sicurezza urbana di carattere integrato e incentrate anche sulle competenze degli enti territoriali, promuovono un convegno nazionale che riunirà studiosi, amministratori, esperti di sicurezza urbana nel nostro e in altri paesi, per fare il punto sull’evoluzione di queste politiche.

Nel corso dell’ultimo ventennio le politiche di sicurezza urbana, le manifestazioni della paura dei cittadini e le modalità per prevenire le insicurezze a livello locale si sono evolute seguendo in parte processi più globali, e in parte adattandosi alle peculiarità dei singoli paesi.

Scarica il programma [file pdf 668Kb]
Presentazione dei relatori [file pdf 96Kb]

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Emanuele Ricifari

Vice Segretario generale vicario dell'Associazione Nazionale Funzionari di Polizia - Dirigente Superiore della Polizia di Stato.

Direttore del Servizio Centrale Anticrimine della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, che si occupa di analisi criminale, di pubblica sicurezza, di elaborazione di punti situazione e di strategie di prevenzione.

Docente presso l’Istituto Superiore di Polizia e nei Master collegati e coordinati con l’Università “La Sapienza” di Roma. Ha collaborato con il Centro di Eccellenza delle Pubbliche Amministrazioni dell’Università Cattolica di Piacenza e Cremona.

Membro delle “Cabine di Regia” contro la “Tratta degli esseri umani” e contro la “Violenza di genere” istituite presso la Presidenza del Consiglio, Dipartimento per le Pari Opportunità.

Nella carriera quasi trentennale nella Polizia di Stato, ha lavorato in Sicilia, Calabria, Emilia-Romagna e Lombardia, nei diversi settori operativi delle Questure.