03/11/2014

VIAEMILIADOCFEST / 2 – QUATTRO GIORNI DI INCONTRI E VISIONI

Si parte giovedì 6 novembre alle 20.30 con “9x10 Novanta” a episodi; si chiude domenica 9 alle 22.30 con il film collettivo “I ponti di Sarajevo” a 100 anni dalla Grande Guerra

La quinta edizione del ViaEmiliaDocFest si apre giovedì 6 novembre alle 20.30, al Teatro dei Segni di Via San Giovanni Bosco a Modena, con la proiezione di “9X10 Novanta”, film a episodi realizzato nel 2014 da Marco Bonfanti, Claudio Giovannesi, Sara Fgaier, Pietro Marcello, Alina Marazzi, Giovanni Piperno, Costanza Quatriglio, Paola Randi, Alice Rohrwacher e Roland Sejko. Ogni regista ha montato immagini dell'Archivio Luce, scelte tra migliaia di ore di filmati. Dopo la proiezione i registi Marco Bonfanti e Pietro Marcello incontreranno il pubblico.

La seconda giornata, venerdì 7 novembre, prende il via alle 15 con la prima parte del convegno “Niente è più come prima: il cinema nell’era digitale” dove si discuterà degli effetti che il digitale ha avuto sul cinema, con interventi di esperti e protagonisti addetti ai lavori: Vittorio Boarini, Pietro Marcello, Marco Bonfanti, Michele Guerra, Roberto Roversi. Coordina: Vittorio Iervese, dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Alle 18 viene presentato il progetto di scambio giovanile “Il mare che unisce. Tirana-Modena:cinema&memories” con la proiezione di alcuni spezzoni del girato alla presenza degli autori. Alle 20.30, il critico e regista Tatti Sanguineti presenterà “Giulio Andreotti – il cinema visto da vicino” e alle 22.30 sarà proiettato “Belluscone, una storia siciliana” di Franco Maresco, preceduto da alcuni materiali inediti.

Sabato 8 novembre, alle 10, seconda parte del convegno “Niente è più come prima: il cinema nell’era digitale” con Luca Mosso, Gianluca Guzzo, Pier Maria Bocchi. Coordina Leonardo Gandini, dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Alle 12 si discuterà della nuova legge sul cinema della Regione Emilia-Romagna con Massimo Mezzetti, assessore regionale alla Cultura ed Enza Negroni, presidente di Der. Alle 15.30 proiezione di “Avec toi sans toi” di Francesca Ragusa, che incontrerà il pubblico. Il documentario parla di Josette Gèraud Hayden (1916 – 2006), giovane sposa del pittore Henri Hayden ed amica intima di Samuel Beckett. Alle 17 sarà la volta di “Varvilla” di Valerio Gnesini (presente in sala) che racconta la storia degli abitanti di un piccolo borgo nell’Appennino reggiano che hanno salvato il paese creando una cooperativa. Alle 18.30 proiezione del documentario corale “È la mia vita in piazza Grande”, di Luca Dominianni, Gabriele Veronesi, Giulia Bondi, Giulia Bertella Farnetti, Christian Caiumi, Stefano Cattini, Riccardo Giullari, Anna Reiter, Alberta Pellacani, realizzato in occasione del progetto promosso dal coordinamento Unesco e dai musei civici di Modena. Alle proiezioni si alternerà il reading teatrale del gruppo Gli Aggregati-Teatro per Amore. Introducono Francesca Piccinini, direttrice dei Musei civici di Modena e Greta Barbolini, presidente Ucca. I registi incontreranno il pubblico dopo la proiezione. Dalle 20.30, le premiazioni del concorso on line Viaemiliadocfest 2014. Alle 20.30 proiezione di “Patria” di Felice Farina, con Francesco Pannofino, Roberto Citran e Carlo Giuseppe Gabardini. Il regista dialogherà con il pubblico dopo la visione del film, che racconta la chiusura di una fabbrica nel torinese.

Domenica 9 novembre, giornata conclusiva del festival. Si parte alle 16 con i quattro corti in concorso per il premio Maneki Neko Tatami Shot, all’interno della 22esima edizione dell’Ozu Film Festival che si terrà dal 17 al 23 novembre a Fiorano, Formigine, Modena e Sassuolo. Alle 18 presentazione di “Per Ulisse” di Giovanni Cioni, su un centro di socializzazione di Firenze. Il regista incontrerà il pubblico dopo la proiezione e dialogherà con Fabrizio Starace, dell’Ausl di Modena e un rappresentante dell’associazione Idee in circolo. Alle 20.30 “Vacanze al mare” di Ermanno Cavazzoni, scrittore e sceneggiatore per “La Voce della Luna”, ultimo film di Federico Fellini. La quinta edizione del ViaEmiliaDocfest si chiude alle 22.30 con “I ponti di Sarajevo”, film collettivo a cent’anni dalla Grande Guerra di alcuni affermati registi del cinema europeo con film maker di punta della nuova onda est-europea. Il film è di Leonardo Di Costanzo, Vincenzo Marra, Jean-Luc Godard, Aida Begic, Kamen Kalev, Isild Le Besco, Sergei Loznitsa, Ursula Meier, Cristi Puiu, Marc Recha, Angela Schanelec, Teresa Villaverde, Vladimir Perisic.

Il programma completo è on line (www.modenaviaemiliadocfest.it).

Azioni sul documento