Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2014 / Marzo / GIOCO D’AZZARDO, PER LA LEGGE SI FIRMA FINO AL 25 MARZO
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

13/03/2014

GIOCO D’AZZARDO, PER LA LEGGE SI FIRMA FINO AL 25 MARZO

In Municipio in piazza Grande e in via Santi per la Proposta di legge d’iniziativa popolare

Prosegue anche a Modena fino al 25 marzo, a Palazzo Comunale in piazza Grande e in via Santi 40, la raccolta di firme promossa dai 470 Comuni, tra i quali il Comune di Modena, che aderiscono al Manifesto per la legalità contro il gioco d'azzardo. Si firma per la “Proposta di legge di iniziativa popolare per la tutela della salute degli individui tramite il riordino delle norme vigenti in materia di giochi con vincite di denaro – giochi d'azzardo”, che mira a regolamentare la diffusione di scommesse, slot e videopoker, contrastare il gioco non autorizzato, impedire l'accesso alla criminalità e il riciclaggio di denaro.

“La nuova legge – sottolinea l’assessore comunale allo Sviluppo economico Stefano Prampolini - è essenziale per molteplici ragioni, a partire dalla necessità di dare ai sindaci i poteri di autorizzare l’apertura di sale da gioco e l’installazione dei relativi apparecchi, e di avere finanziamenti per attività formative e culturali per la prevenzione”.

In città sono due i punti nei quali si può andare per firmare, muniti di documento d’identità: negli uffici del Protocollo generale del Comune in Municipio in piazza Grande al secondo piano, o nella segreteria dell’assessorato allo Sviluppo Economico, Lavoro e Centro storico, in via Santi 40 al quinto piano.

Si può firmare al lunedì e al giovedì dalle 8,30 alle 13 e dalle 14.30 alle 18; martedì, mercoledì e venerdì solo al mattino dalle 9.30 alle 13.

L’obiettivo degli organizzatori della campagna nazionale è raggiungere le 50 mila firme. Il 30 marzo avverrà la consegna simbolica delle firme al Presidente della Camera, alla quale parteciperà, in rappresentanza del sindaco e del Comune di Modena, l’assessore Stefano Prampolini.

Azioni sul documento