Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2014 / Marzo / KISS ME LICIA, IL WRESTLING E LA TV NELLE “FIFI” DI FINE SECOLO
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

12/03/2014

KISS ME LICIA, IL WRESTLING E LA TV NELLE “FIFI” DI FINE SECOLO

Venerdì 14 marzo alle 18 al Museo della Figurina di Palazzo S. Margherita inaugura la mostra “80-90. Televisione, musica e sport in figurina”, visitabile fino al 13 luglio

“Kiss me Licia” e gli “anime”, i cartoni animati giapponesi spesso tratti dai manga; i cartoon Usa come i “Simpson” o i film d’animazione Disney come “Il Re Leone”. I telefilm di successo e le saghe hollywoodiane di fantascienza come “Guerre stellari”; la moda e le star internazionali del pop e del rock; le “card” per fare giochi di società; i campioni del Wrestling e per la prima volta un album dedicato ai Campionati europei di calcio. C’è tutto questo, e molto altro, nella mostra “80-90. Televisione, musica e sport in figurina” che inaugura venerdì 14 marzo alle 18 al Museo della figurina di Palazzo Santa Chiara, in corso Canalgrande 103 a Modena.

La mostra, visitabile a ingresso gratuito fino al 13 luglio è organizzata con il sostegno della Fondazione cassa di risparmio di Modena ed è curata da Francesca Fontana e Thelma Gramolelli, e da Andrea Ligabue per la sezione “Card”.

Esposti più di 50 album, oltre 300 figurine e card, bustine, giochi, video musicali e spot memorabili, che raccontano gusti e tendenze degli ultimi due decenni del XX secolo e suscitano i ricordi d’infanzia e adolescenza dei trentenni, quarantenni e a volte cinquantenni di oggi. Il percorso, oltre a svilupparsi in senso emozionale, consente di evidenziare le trasformazioni della società negli ultimi trent'anni, le influenze e i cambiamenti dei linguaggi televisivi, dei gusti cinematografici, dell’intrattenimento per bimbi e ragazzi, degli stili grafici, degli interessi didattici. Esposte anche plance di copertine di album Panini prima del taglio: pezzi rarissimi che documentano una delle fasi della lavorazione delle figurine a livello industriale.

La mostra è il naturale proseguimento del percorso espositivo permanente del Museo della Figurina, che va dagli antecedenti fino agli anni Settanta, con qualche incursione nei decenni successivi. L'ultimo dei grandi armadi espositori del Museo, infatti, è dedicato a un passaggio cruciale della figurina che, a partire dal secondo dopoguerra, diventa un mezzo di comunicazione a sé stante, svincolato dalla sua precedente funzione pubblicitaria. È qui che si innestano i tentativi editoriali di diverse aziende italiane: la Panini, ad esempio, nasce nel 1961 e negli anni Ottanta non solo ha già industrializzato il processo di produzione, ma conta in una rete di distribuzione internazionale. Il Museo della figurina porta così a compimento l’itinerario tematico-cronologico iniziato otto anni fa, offrendo con questa nuova esposizione una panoramica sulle principali raccolte succedutesi tra il 1980 e la fine degli anni Novanta, della Panini e di case editrici minori, come la Edis, la Fol-bo, la Flash, la Merlin.

La mostra “80-90. Televisione, musica e sport in figurina”, al Museo della Figurina di Modena a Palazzo Santa Margherita in corso Canalgrande 103, è visitabile gratuitamente fino al 13 luglio da mercoledì a venerdì dalle 10.30 alle 13 e dalle 15 alle 18; sabato, domenica e festivi dalle 10.30 alle 19; lunedì e martedì chiuso.

Per informazioni tel. 059 2032919 (www.comune.modena.it/museofigurina).

Azioni sul documento