Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2014 / Marzo / MOBILITÀ DOLCE / 2 – ALLA SACCA SI SPERIMENTANO LE ZONE 30
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

31/03/2014

MOBILITÀ DOLCE / 2 – ALLA SACCA SI SPERIMENTANO LE ZONE 30

In via Paltrinieri, via Maroncelli, all’incrocio tra le due vie e in quello tra via Pellico e via Don Monari dal 4 al 7 aprile saranno allestiti rallentatori di velocità

Dalle 14.30 di venerdì 4 alle 18 di lunedì 7 aprile il quartiere Sacca sperimenterà le zone 30. L’iniziativa, che nasce da un'idea delle associazioni Ingegneria senza frontiere, CicloStile, Legambiente circolo "Angelo Vassallo", con la partecipazione di Ciclofficina Popolare "Rimessa in Movimento", Reazione a Catena, tenta di riprodurre temporaneamente il progetto comunale delle zone 30 per studiare il comportamento degli automobilisti nel quartiere.

Le vie coinvolte dall’iniziativa sono via Paltrinieri, dove una deviazione di carreggiata (chicane) obbligherà le macchine a ridurre la velocità; l’incrocio tra via Pellico e via Don Monari e quello tra via Paltrinieri e via Maroncelli, nelle quali la risagomatura della geometria stradale indurrà gli automobilisti a ridurre la velocità di percorrenza dei due incroci evitando l'invasione della carreggiata opposta al senso di marcia; via Maroncelli che, attraverso un divieto di sosta temporanea, consentirà alle macchine provenienti da via Cassiani di affrontare la curva verso via Paltrinieri con un maggior spazio di manovra, evitando anche l'invasione della carreggiata opposta”.

Nelle Zone 30 gli automobilisti non possono superare il limite di 30 chilometri orari e per ridurre la velocità, oltre alla segnaletica, vengono installati manufatti che obbligano il veicolo a rallentare (dossi, chicane, restringimenti, piattaforme rialzate). I dati statistici delle aree dove la riduzione è stata applicata dimostrano con evidenza che la riduzione della velocità consente il calo drastico di infortuni mortali e invalidanti. La velocità ridotta consente infatti a chi guida di vedere meglio e diminuisce la distanza di arresto con meno pericoli per chi va a piedi o in bicicletta. Porta quindi a un miglioramento della qualità della vita urbana con  una riduzione del rumore e delle emissioni inquinanti e maggiore sicurezza.

Azioni sul documento