Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2014 / Marzo / SITO UNESCO, CONFRONTO ANCHE CON LE ASSOCIAZIONI
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

11/03/2014

SITO UNESCO, CONFRONTO ANCHE CON LE ASSOCIAZIONI

Sulla bozza di regolamento convocato un altro incontro con le organizzazioni economiche. Alperoli: “No vincoli, ma opportunità per fare crescere la qualità”

Nel percorso di confronto e condivisione sulla bozza di regolamento sul sito Unesco di Modena, che è costituito dal Duomo, dalla torre Ghirlandina e da Piazza Grande, è previsto un ulteriore momento di approfondimento anche con le associazioni di categoria. Lo precisa l’assessore comunale alla Cultura Roberto Alperoli in occasione della presentazione di oggi, martedì 11 marzo, a istituzioni, enti e associazioni culturali, organizzazione sportive e sociali del testo predisposto a livello tecnico insieme alla Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici e alla Basilica metropolitana.

Uno specifico invito in questo senso, infatti, è stato indirizzato alle associazioni da parte del sindaco Giorgio Pighi al quale si erano rivolti i rappresentanti di Rete imprese Italia per annunciare la loro assenza al tavolo di consultazione convocato per lunedì 10 marzo “come occasione per confrontarci sulla bozza di testo illustrata dieci giorni fa insieme all'assessore allo Sviluppo economico e al Centro storico Stefano Prampolini”, precisa Alperoli sottolineando come ci sia “da parte dell’amministrazione comunale l'assoluta disponibilità a discutere dei punti più controversi e sensibili”.

Il regolamento è uno degli strumenti previsti dal Piano di gestione del sito Unesco, già approvato dal Consiglio comunale, con l’obiettivo di “garantire l’integrità strutturale e visiva del ‘patrimonio dell’umanità’, ma anche la possibilità di utilizzare questi spazi per poterli valorizzare al meglio: non quindi uno strumento per porre vincoli – afferma Alperoli – ma per creare opportunità, dare vita al centro storico, far crescere la qualità. In sintesi, aumentare la bellezza”.

Per Alperoli, quindi, si tratta di un regolamento che “deve aiutare a fare, non a vietare, come è testimoniato dalle proposte sugli eventi, che consentono di utilizzare piazza Grande con una certa continuità, oppure dalle indicazioni per le attività commerciali, che puntano a rendere più omogenea e di pregio l’immagine dell’area, ma senza imporre oneri alle attività attuali: il regolamento detta come si dovranno realizzare gli interventi quando questi verranno fatti”.

La bozza di regolamento sulla quale è aperto il confronto prevede diversi ambiti di applicazione con una parte delle norme che riguarda anche la zona di rispetto del sito Unesco vero e proprio, arrivando a comprendere i fronti degli edifici che si affacciano su piazza Grande e, per alcuni aspetti, la zona di via Emilia tra Corso Duomo e via Scudari. La bozza di regolamento, inoltre, indica come “zona 4” anche un’area più ampia, con un raggio di circa 150 metri dal sito Unesco, ma limitatamente agli aspetti di tutela ambientale per limitare i consumi energetici e l’impiego di combustibili inquinanti.

Azioni sul documento