Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2015 / Marzo / VERSO EXPO CON GIÀ OLTRE 80 EVENTI IN CALENDARIO
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

25/03/2015

VERSO EXPO CON GIÀ OLTRE 80 EVENTI IN CALENDARIO

Promozione internazionale, grazie anche al “Discover Ferrari & Pavarotti Land”, e iniziative sul territorio all’insegna dello slogan “Modena. Dove tutto diventa arte”

Un calendario di oltre 80 eventi che, per sei mesi, coinvolgono l’intero territorio provinciale con iniziative che declinano il tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita” con forme e linguaggi diversi: dai convegni scientifici alle mostre, dai festival agli itinerari alla scoperta delle eccellenze, dalla valorizzazione dei prodotti tipici agli incontri con chef, artisti, studiosi della materia. Il tutto all’insegna dello slogan “Modena. Dove tutto diventa arte” che accompagnerà anche le iniziative modenesi che verranno realizzate all’Expo 2015 di Milano, nell’ambito della piazzetta della Regione Emilia Romagna.

Il punto sul progetto “Modena per Expo” lo ha fatto il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli in una conferenza stampa oggi, mercoledì 25 marzo, insieme ad Antonio Ghini, direttore dei Musei Ferrari, e alla quale hanno partecipato i rappresentanti dei Comuni di Carpi, Sassuolo, Nonantola, Spilamberto e Maranello che saranno tra i protagonisti del circuito di promozione turistica “Discover Ferrari & Pavarotti Land”, che sabato 28 marzo verrà presentato a Palazzo Vecchio a Firenze nell’ambito di “Giornata Italia 2015, il Paese nell'anno di Expo”, alla presenza del presidente della Repubblica.

Oltre a prevedere diverse “vetrine” a Milano, infatti, il progetto “Modena per Expo” promosso dal Comune di Modena e dal sistema degli enti locali modenesi punta ad attrarre visitatori sul territorio, mettendo a rete un’offerta ricca di eventi, iniziative e opportunità per i quali è partita la comunicazione anche a livello nazionale e internazionale.

Altro evento di punta sarà i “Giardini del gusto e delle arti”,  festival  lungo cinque mesi per esaltare la tradizione gastronomica del territorio e i suoi prodotti Dop e Igp. L’evento, promosso dalla Camera di commercio e da Palatipico, animerà i Giardini Ducali dal 9 maggio al 20 settembre e il programma, in corso di ultimazione, verrà presentato l’8 aprile alla presenza di Massimo Bottura, ispiratore della manifestazione e protagonista di un ciclo di incontri con gli chef dal titolo “Vieni a Modena con me”. Si tratta di eventi, spettacoli, incontri, show cooking, master class, concerti, spettacoli teatrali e animazioni per famiglie e bambini che coinvolgeranno chef stellati, artisti, musicisti, intellettuali, scrittori, giornalisti, filosofi, agronomi, professori universitari, scienziati, esperti del settore  del panorama nazionale e internazionale.

Non solo Modena vivrà da protagonista i temi di Expo: nel semestre maggio-ottobre infatti sono già oltre 80 gli eventi che da Carpi a Fanano, da Castelvetro a Bomporto, animeranno l’intero territorio provinciale mettendo al centro le eccellenze dell’enogastronomia ma anche il patrimonio culturale e ambientale. Il programma, che viene continuamente implementato, è consultabile sul sito internet www.comune.modena.it.

La città di Modena sarà il cuore delle iniziative e snodo dal quale partiranno itinerari alla scoperta del territorio provinciale, e al tempo stesso supporto alle imprese della provincia, per esempio con i “temporary store”, che metteranno a disposizione di produttori e artigiani una vetrina in pieno centro per la promozione e la vendita. I risultati del bando, con l’assegnazione degli spazi in corso di definizione, verranno presentati nei prossimi giorni.

Ancora, con la porzione dell’immobile ex Poste che ospiterà nel semestre maggio-ottobre un punto di accoglienza turistica, ristorazione, animazione e vendita di prodotti. Il bando per l’assegnazione degli spazi, consultabile online (www.comune.modena.it/il-comune/bandi/altri-bandi) scade il 7 aprile.

Più in generale, lavorando sulle sinergie, Modena offre alle aree più decentrate della provincia l’opportunità di raggiungere i visitatori che arriveranno nel capoluogo: dal presidio dei Comuni dell’Appennino ad altre forme di collaborazione nell’ambito degli eventi modenesi.

Azioni sul documento