Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2016 / Luglio / IL FESTIVAL “GIARDINNER” TORNA AI GIARDINI PER TRE GIORNI
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

05/07/2016

IL FESTIVAL “GIARDINNER” TORNA AI GIARDINI PER TRE GIORNI

Da giovedì 7 a sabato 9 luglio con stand musica, cibo e ospiti: Lilli Gruber, Nek, Cosmo, Jolly Mare, Martina Dell’Ombra. Aiuti a un progetto di educazione in Etiopia

Buona musica, cibo e iniziative gratuite in tre giorni di programmazione, dal 7 al 9 luglio, ai Giardini Ducali di corso Canalgrande; tanti ospiti importanti (da Lilli Gruber a Martina Dell’Ombra, passando per Cosmo e Jolly Mare); decine e decine tra stand gastronomici e banchetti di artigianato.

Il festival “Giardinner” compie cinque anni e cresce. L’appuntamento organizzato dalle associazioni “La Piattaforma” e “Mumble”, torna nel “salotto verde” del centro storico di Modena nel programma dei "Giardini d'Estate" di Studio's e nell’ambito dell’Estate modenese 2016 del Comune, con il sostegno di Fondazione Cassa di risparmio di Modena e Gruppo Hera.

Si comincia giovedì 7 luglio alle 19, con l’apertura di stand e mercatini e l’inizio dell’aperitivo verde. Musica e cibo per godersi il fresco dei Giardini. Intorno alle 21, poi, il primo incontro della quinta edizione. Sul palco Marino Neri, autore e illustratore modenese, a presentare il suo ultimo graphic novel “Cosmo” (Coconino Press, 2016), con performance dal vivo di disegno e musica, accompagnato dalla consolle di Johnny Paguro. La transizione dal campo visivo a quello sonoro prepara il terreno per il concerto di Cosmo che accompagna il pubblico fino al termine della serata. Il cantautore piemontese può essere annoverato tra i protagonisti dell’estate 2016 con il suo ultimo album, “L’ultima Festa”,  uscito in aprile.

Venerdì 8 luglio si ricomincia sempre intorno alle 19, con la presentazione di un progetto per l’educazione in Etiopia. A promuoverlo è il fotografo modenese Alessandro Chiossi, accompagnato sul palco dal cantautore sassolese Nek.

Si prosegue con l’aperitivo, quindi alle 21 è la volta di una vera e propria web star. Martina dell’Ombra, dopo aver conquistato Youtube, arriva infatti sul palco di Giardinner per presentare la sua Italia del futuro. Pariolina un po’ tuttologa e un po’ ignorante strapperà una risata, lasciando il dubbio che la sua satira tagliente ci stia rivelando i mostri peggiori della nostra società. A seguire arrivano i Simons, band modenese che segue Giardinner fin dalla prima edizione, mentre la chiusura è affidata al djset di un’altra celebrity locale: Piet Row.

Sabato 9 luglio si parte leggermente in anticipo. Alle 18.30 Lilli Gruber giornalista e conduttrice tv presenta il suo ultimo libro “Prigionieri dell’Islam” (Rizzoli, 2016), ponendo una domanda quanto mai attuale: come facciamo a costruire un futuro capace di integrazione sociale? Dopo il consueto happy hour, altro appuntamento con l’autore. Alle 21 Alessandro Gazoia presenta “Senza filtro. Chi controlla l’informazione”. Insieme ad Andrea Zanni, racconterà che cosa sta succedendo nel mondo dei media da quando il web ha conquistato un ruolo di primo piano.

Dalle 22, infine, il palco è affidato al cantautore elettronico Jolly Mare, che farà ballare prima con un concerto e poi con un dj-set.

Il festival segue lo schema consolidato nelle passate edizioni: incontri, musica e stand gastronomici si fondono nell’atmosfera di una serata di mezza estate. Ma le novità non mancano: a partire dalla durata, per la prima volta di tre giorni. La programmazione poi, rimarcano gli organizzatori, quest’anno compie un salto di qualità con volti noti della scena musicale e culturale italiana e incontri di spessore.

Prima di tutto, comunque, Giardinner è  sempre stato e rimane un evento di beneficenza. Ogni anno gli organizzatori scelgono un’iniziativa, e per il 2016 la scelta è ricaduta su un progetto per l’educazione in Etiopia, che viene presentato sul palco dal fotografo modenese Alessandro Chiossi e dal cantautore sassolese Nek. Non è la prima volta che Giardinner si occupa dell’Africa: già la terza edizione, infatti, era stata dedicata a progetti di formazione scolastica in Tanzania ed Etiopia Nel 2015, invece, era stata la volta dell’emporio sociale modenese Portobello, mentre i primi anni  si era concentrato sulla ricostruzione post sisma: 2012 al Comune di Concordia e 2013 all’Istituto Lodi di Crevalcore.

Alla consolidata collaborazione con Bper e al patrocinio del Comune di Modena si è unito il sostegno di importanti realtà del territorio come Coop Alleanza 3.0, Banca Popolare di San Felice e Aceto Due Vittorie. Tra i partner anche le Cantine Chiarli, Laboratorio Studio, Ubik Modena, Laika Mvmnt e Sid Modena.

Per informazioni su Giardinner: Laura 349 061 5230.

Informazioni on line sul programma dell’Estate modenese 2016 sui siti web (www.comune.modena.it/estate2016 - www.visitmodena.it – pagina facebook Giardini d’Estate).

Azioni sul documento