Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2016 / Luglio / MODENA RINGRAZIA IN CONSIGLIO BOTTURA E IL SUO STAFF
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

07/07/2016

MODENA RINGRAZIA IN CONSIGLIO BOTTURA E IL SUO STAFF

Il sindaco Muzzarelli e la presidente Maletti consegnano una targa alla squadra. Lo chef: “I ragazzi della Francescana sono la mia famiglia e il mio cuore sarà sempre in via Stella”

“Da solo non potrei fare niente. Ringrazio pubblicamente tutti i ragazzi dell’Osteria Francescana perché condividono con me questo sogno incredibile, dedicandogli la parte più importante della loro vita. Sono la mia famiglia e il mio cuore è e sarà sempre in via Stella a Modena”.

Sono le parole che lo chef Massimo Bottura ha pronunciato in Consiglio comunale a Modena durante la seduta di giovedì 7 luglio, in cui il principale organo rappresentativo della città ha voluto ringraziare lui e lo staff dell’Osteria Francescana per aver portato Modena al primo posto al mondo nella ristorazione, al vertice della classifica “50 Best Restaurant”.

Allo chef e alla sua squadra, accolti con un grande applauso, il sindaco Gian Carlo Muzzarelli e la presidente del Consiglio comunale Francesca Maletti hanno consegnato una targa di ringraziamento da parte della città di Modena e una copia del volume “La Secchia Rapita. Antefatti”, accompagnata da sei acquetinte dell’artista Andrea Chiesi. A tutti i componenti dello staff , inoltre, è stata data una spilla con lo stemma del Comune “per farli sentire più modenesi e perché siano impegnati nel mondo e per il mondo con Modena nel cuore”.

Il sindaco ha evidenziato che “la città oggi prova senso di orgoglio e dice profondamente grazie a Massimo Bottura per il suo ruolo di ambasciatore di Modena nel mondo. Questo premio è per tutta la città – ha proseguito – in quanto Massimo celebra rinnovandola la cucina modenese, frutto di una tradizione che viene da lontano, dalla passione delle rezdore, e rivisita con creatività i preziosi prodotti del nostro territorio. Il suo è un impegno non solo enogastronomico ma anche culturale ed è importante continuare a trasmettere la cultura alimentare, umana e di solidarietà come questa squadra ha fatto fino a oggi”. Il sindaco ha infine ricordato il progetto di refettorio che verrà realizzato a Modena grazie alla collaborazione tra Comune, associazione “Food for soul”, che fa capo a Bottura, Fondazione Auxilium-Mensa Ghirlandina e Arcidiocesi, evidenziando l’impegno dello chef nella lotta allo spreco alimentare e il valore del recupero caro alla tradizione modenese.

La presidente del Consiglio ha sottolineato come Bottura e la squadra della Francescana siano “una delle eccellenze di Modena. Vi ringraziamo perché avete portato la cucina di questo territorio nel mondo – ha proseguito Maletti – e perché, nonostante tante proposte appetibili arrivate da molte importanti città, siete rimasti in via Stella e avete espresso la volontà di rimanerci”.

Bottura, nel suo intervento, ha evidenziato l’importanza del fare squadra e del promuovere la cultura, ha valorizzato il ruolo dell’agricoltura del territorio e del turismo gastronomico da cui l’Italia deve ripartire. “Quella in via Stella – ha detto – è una bottega rinascimentale in cui si crea cultura, una fabbrica di idee che rendere visibile l’invisibile a tanti, un luogo in cui si formano ambasciatori del nostro pensiero e delle eccezionali materie prime del territorio, e si creano contaminazioni sane, con la condivisione di vittorie e sconfitte, che aiutano a migliorare. Si fa cultura perché la cultura genera conoscenza, la conoscenza apre la coscienza e con la coscienza cresce il senso di responsabilità: senza la cultura non saremmo mai riusciti ad arrivare fin qui”. Bottura ha poi sottolineato come la scelta di contribuire al recupero degli alimenti, contrastando lo spreco, sia dettata dalla volontà “di restituire qualcosa nel momento in cui raggiungi tutto”, da qui l’esperienza del refettorio già realizzato a Rio de Janeiro e in altre città dopo Expo, che verrà presto sviluppata anche a Modena.

Azioni sul documento