Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2018 / Settembre / BAR DEL TEATRO STORCHI, AGGIUDICATO IN VIA PROVVISORIA
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

19/09/2018

BAR DEL TEATRO STORCHI, AGGIUDICATO IN VIA PROVVISORIA

Dopo le verifiche di legge, gli spazi saranno concessi in gestione per sei anni rinnovabili alla costituenda società composta da Mattia Bernardi e Alessandro Boni

È stata aggiudicata in via provvisoria la gestione del bar collocato all’interno del teatro Storchi a Modena, con servizio rivolto sia ai frequentatori degli spettacoli sia al pubblico esterno.

Una volta completata la verifica del possesso dei requisiti previsti dal bando e i controlli di legge, gli spazi, per una superficie catastale di 114 metri quadrati, saranno concessi per sei anni, rinnovabili, alla costituenda società composta da Mattia Bernardi e Alessandro Boni, che hanno presentato l’unica offerta pervenuta, per un canone annuo di oltre 20 mila euro, al rialzo rispetto a quello posto a base di gara (14 mila euro).

La precedente concessione del bar del teatro Storchi era stata revocata dal Comune nei mesi scorsi per la morosità del concessionario e per l’inadempienza contrattuale, visto che già da aprile aveva cessato l’attività privando il teatro del servizio.

Lo schema di concessione, infatti, prevede che il bar debba essere aperto in base sia alle esigenze dei frequentatori del Teatro Storchi, sia alle attività ricreative e culturali programmate dal Comune di Modena o da altri soggetti interessati. In particolare, l’apertura deve essere assicurata in coincidenza con il calendario delle attività teatrali di Ert e degli altri spettacoli con apertura almeno tre ore prima dell’inizio della manifestazione e chiusura non prima del termine dello spettacolo. Sono previsti orari definiti anche in coincidenza con le attività di montaggio degli spettacoli e in occasione delle prove. Sono inoltre richieste garanzie rispetto alla qualità dei generi di consumo e ai prezzi, che non devono essere superiori alla media di quelli praticati negli altri esercizi cittadini.

Azioni sul documento