Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2018 / Settembre / CON LA SCUOLA “STRUMENTI PER CAPIRE IL NOSTRO TEMPO”
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

15/09/2018

CON LA SCUOLA “STRUMENTI PER CAPIRE IL NOSTRO TEMPO”

Messaggio agli studenti del sindaco Muzzarelli e dell’assessore Cavazza in occasione dell’inizio dell’anno scolastico

“Nel vostro percorso di studi avrete la possibilità di acquisire gli strumenti per capire il nostro tempo”. E’ il messaggio che il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli e il vicesindaco e assessore all’Istruzione Gianpietro Cavazza hanno inviato a studentesse e studenti in occasione dell’inizio dell’anno scolastico.

Ricordando le opportunità offerte dalla scuola (“per molti rimane la principale porta di accesso alla prospettiva di un futuro migliore”), sindaco e vice sottolineano in particolare l’importanza della storia e della memoria, con un riferimento specifico all’anniversario delle leggi razziali emanate nel 1938: “Se conosciamo gli orrori del nazifascismo, le dinamiche che hanno portato alla sua affermazione, avremo strumenti in più per comprendere con occhi critici i fatti della nostra quotidianità”.

Nell’augurare buon anno scolastico anche a insegnanti, dirigenti e tutto il personale, Muzzarelli e Cavazza sottolineano la competenza e la passione che deve essere un elemento caratterizzante del loro impegno, mentre come amministratori il primo obiettivo è quello del diritto allo studio: “Far crescere nella città la consapevolezza della centralità dell’educazione e della formazione, affinché ogni studente raggiunga il massimo delle proprie potenzialità”.

Dopo aver ricordato i progetti per favorire l’integrazione degli studenti stranieri (partendo dall’insegnamento della lingua italiana) e gli investimenti per migliorare la sicurezza e la funzionalità degli edifici scolastici, Muzzarelli e Cavazza concludono ribadendo l’obiettivo “di far crescere le scuole di Modena come un sistema nel quale accanto alle specificità dei singoli progetti educativi e delle proposte didattiche, ci sia un’offerta che possa garantire a tutti le stesse opportunità e la stessa qualità”.

Azioni sul documento