Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2019 / Novembre / “HACK‘N’ACT” / 2 – SCHEDA: GLI ORGANIZZATORI DEL WEEKEND
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

13/11/2019

“HACK‘N’ACT” / 2 – SCHEDA: GLI ORGANIZZATORI DEL WEEKEND

Promossi da Laboratorio Aperto, Memori e Tools for culture i laboratori con gli artisti - inventori Bers e Baljeu di sabato 16 e domenica 17 novembre

La due giorni d’arte e tecnologia “Hack’n’act, di sabato 16 e domenica 17 novembre con Jonas Bers e Philip Baljeu è promossa e organizzata dal Laboratorio Aperto di Modena con l’associazione culturale Memori e l’organizzazione non profit Tools for Culture.

Il Laboratorio Aperto di Modena è un luogo di aggregazione e scambio tra realtà del territorio, generazione di idee e opportunità di impresa, che promuove lo sviluppo di prodotti, servizi e ricerca innovativi per la cultura, lo spettacolo e la creatività. Ha sede nell’edificio che ospitava la centrale Aem, riqualificato dal Comune grazie alle risorse del Fondo europeo di Sviluppo regionale Por Fesr 2014-2020, ed è parte della Rete regionale che unisce dieci Laboratori Aperti su vari temi (www.laboratoriaperti.it). I gestori dello spazio modenese sono Fondazione Giacomo Brodolini, Ett e Mbs. Maggiori informazioni sul sito web (www.luamodena.it) o su Facebook “Laboratorio aperto Modena”.

Memori è, invece, una associazione culturale nata a Bologna dall’incontro di professionalità attive nell’ambito della cultura underground e delle pratiche interdisciplinari a cavallo tra suono, arte e tecnologia. Opera nel settore del “reverse engineering” per le arti, con particolare interesse ai media digitali e analogici, alla loro compenetrazione e alle differenti forme di diffusione culturale dal basso ed emergenti. L’associazione desidera diffondere una possibilità di impiego della tecnologia che sia eticamente sostenibile, a sostegno delle arti e della libera espressione, fuori dalle logiche di mercato, per contribuire a un futuro di autodeterminazione (www.facebook.com/memorimemorime).

Tools for Culture, infine, è un’organizzazione non profit attiva in ricerca, consulenza e formazione per l’economia, il management e le politiche dell’arte e della cultura. Il suo obiettivo è contribuire a estrarre il valore dalle risorse creative e culturali, rafforzando il loro impatto sulla qualità della vita, stimolando la creazione e il consolidamento di un network di professionisti, imprese e competenze, e fornendo assistenza strategica e tecnica in campo culturale (www.toolsforculture.org).

Azioni sul documento