Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2019 / Novembre / MURO DI BERLINO, LA “LINEA” DELLE NUOVE ARCHITETTURE
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

08/11/2019

MURO DI BERLINO, LA “LINEA” DELLE NUOVE ARCHITETTURE

Sabato 9 novembre, nell’anniversario della caduta del Muro, in Galleria Europa, alle 18, inaugura la mostra fotografica sulle trasformazioni urbane dove c’era il confine

Sabato 9 novembre, nel giorno del trentesimo anniversario della caduta del Muro di Berlino, alle 18, in Galleria Europa, inaugura la mostra fotografica “Linea nelle linee”, di Antonella Bozzini, che racconta i grandi progetti architettonici realizzati negli ultimi trent’anni lungo la linea del confine che, fino al 1989, era delimitato dal Muro, cambiando il territorio urbano di Berlino.

All’inaugurazione della mostra, a cura di Europe Direct Modena, in collaborazione con Acit - Associazione culturale Italo-tedesca e con l’ufficio Ricerche e documentazione sulla storia urbana del Comune di Modena, intervengono l’assessora a Europa e cooperazione internazionale Debora Ferrari, l’autrice Antonella Bozzini e Maurizio Rebuzzini, curatore del progetto, editore e direttore di FOTOgraphia. La mostra è allestita fino a sabato 30 novembre negli spazi della Galleria Europa, sotto i portici del Municipio in piazza Grande 17. È aperta al pubblico lunedì e giovedì dalle 9 alle 18.30; martedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 9 alle 13.

“Linea nelle linee” è un progetto nato circa due anni fa, proprio in vista del trentesimo anniversario della caduta del muro di Berlino. Con le immagini, tutte scattate all’alba, l’autrice segue un percorso ideale nel centro di Berlino, dalla Hauptbanhof a Postdamer platz, per raccontare gli spazi, gli edifici e le opere architettoniche realizzate lungo la linea del Muro da grandi architetti contemporanei tra i quali Renzo Piano. Con la sequenza in mostra, Antonella Bozzini, insieme alla curatrice del progetto Andréa Romeiro, guida lo spettatore a scoprirne il carattere innovativo e sostenibile, rispettoso del territorio, dell’ambiente e delle risorse economiche a servizio della collettività.

La mostra fa parte del programma “L’Europa prima e dopo il muro” a cura del Comitato comunale per la storia e le memorie del Novecento. Il programma per il 30° della caduta del Muro è online (www.comune.modena.it).

Azioni sul documento