Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2019 / Febbraio / ALL’R-NORD IL COWORKING “JUNTO” DIVENTA PIÙ GRANDE
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

18/02/2019

ALL’R-NORD IL COWORKING “JUNTO” DIVENTA PIÙ GRANDE

Altri spazi a disposizione di startup, liberi professionisti e imprese innovative, soprattutto per eventi e riunioni. Inaugurazione con il sindaco Muzzarelli

“Junto” diventa più grande. Lo spazio coworking aperto due anni fa nell’ambito del progetto “Hub Modena R-Nord” promosso dal Comune di Modena in collaborazione con Fondazione Democenter e CambiaMo, col sostegno della Regione Emilia-Romagna, si allarga e ora dispone anche di una sala eventi, di una sala riunioni e di altri spazi uffici con una superficie che passa da 300 a circa 500 metri quadri al numero civico 17 (interno 12) della strada nazionale Canaletto sud.

All’inaugurazione della nuova area, messa a disposizione dopo un intervento di riqualificazione, ha partecipato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli insieme ai fondatori di Junto Andrea Pelleschi e Yuri Grassi, a Lorenzo Salmi (“Junto & Evensi”), alla presidente di Mindsetter Daniela Dubla e ad Alessandro Colla, uno dei soci di “Evoluzione telematica”, una web agency che si occupa principalmente di eCommerce.

Un esempio del tipo di attività che si è sviluppata in questi due anni nello spazio di tech coworking “Junto” dove sono presenti tre startup (Evensi.com,  Ciceroapp.com e Badeggs.it ), l'associazione regionale di startup mindsetter.it, di cui Evensi è parte del network, e 13 liberi professionisti tra i quali, per esempio, attività innovative come quelle di Davide Vinci, con la sua “5zero5 web solutions”, o della blogger e copywriter Samantha Boselli.

“Junto”, infatti, come spiegano i fondatori, promuove e realizza un nuovo modo di lavorare che, pur rispettando le individualità, favorisce la condivisione e il networking mettendo a disposizione una quarantina di postazioni di lavoro attrezzate, utilizzabili con differenti tipologie di contratto, connessione internet veloce (1 Gb/s), sale per riunioni ed eventi, che ora possono contare su ulteriori spazi e ospitare anche attività culturali, una sala per “conference call”, ma anche un punto relax e ristoro spesso occasione per sviluppare dialoghi e collaborazioni professionali. Insomma, un ambiente condiviso, dinamico e flessibile in grado di ospitare una vera e propria “coworking community”.

Lo stesso progetto Hub Modena R-Nord è nato con l’obiettivo di sfruttare le sinergie derivanti dall’aggregazione di competenze diverse per dar vita a idee e progetti con un particolare focus sui settori digital e della creatività, a supporto dell’imprenditorialità innovativa. Oltre al coworking, infatti, sono già attivi un Incubatore di nuove imprese e un Fab Lab, spazio dedicato alla fabbricazione digitale per diffondere competenze e conoscenze tecniche e far nascere collaborazioni. Il coworking, perciò, si configura come naturale elemento di connessione, networking e generazione di opportunità tra gli utilizzatori dei servizi presenti.

Non è un caso, inoltre, che ciò avvenga in un complesso e in un’area in progressiva riqualificazione urbana e sociale con il Progetto Periferie. Collocato in una posizione strategica (in prossimità del centro storico e raggiungibile a piedi dalla stazione ferroviaria), l’edificio è anche sede dell’ente di formazione For-Modena e di uno studentato universitario, ospita una palestra, la Croce Rossa, una postazione della Polizia municipale, un portierato sociale, attività culturali e negli ultimi anni ha visto riqualificare l’area commerciale, con una dotazione di nuovi parcheggi, mentre sono in corso i lavori di Cambiamo per realizzare ulteriori 28 alloggi per 52 posti letto da assegnare a studenti universitari, oltre a spazi condivisi per studio e cohousing.

Azioni sul documento