Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2019 / Marzo / PALAZZO DEI MUSEI, SI PRESENTA “OTTOCENTO L’ARTE DELL’ITALIA”
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

28/03/2019

PALAZZO DEI MUSEI, SI PRESENTA “OTTOCENTO L’ARTE DELL’ITALIA”

Sabato 30 marzo alle 17 all’ex Oratorio “Andar per mostre, città e musei” con la Poletti

Con un incontro dedicato all’esposizione in corso a Forlì “Ottocento. L'arte dell'Italia tra Hayez e Segantini”, ritorna la rassegna della biblioteca civica d'arte Luigi Poletti “Andar per mostre, città e musei”.

Sabato 30 marzo alle 17 nella Sala ex Oratorio a pianoterra di Palazzo dei Musei in largo Sant’Agostino, come sempre a partecipazione libera e gratuita fino a esaurimento posti, sarà Gianfranco Brunelli, che ne è il direttore generale, a presentare la mostra in corso ai Musei di San Domenico fino al 16 giugno 2019.

L’esposizione prende in esame la grande arte dell’Italia dell’Ottocento, tra l’ultima fase del Romanticismo e le sperimentazioni artistiche del nuovo secolo, ricostruendo in un confronto tra architettura, pittura, scultura, illustrazione e arti decorative, le vicende dell’arte italiana nel mezzo secolo che ha preceduto la rivoluzione del Futurismo.

Attraverso una ricchissima selezione di opere le varie sezioni presentano i diversi generi, da quello storico, alla rappresentazione della vita moderna, dall’arte di denuncia sociale, al ritratto, al paesaggio, fino alle nuove sperimentazioni. Tra i pittori più rappresentativi nomi come Hayez, Fattori, Signorini, Boccioni e Balla; tra gli scultori Vela, Gemito, Trentacoste, Canonica e Bistolfi.

Il prossimo appuntamento della rassegna è in programma sabato 13 aprile, sempre alle 17 e di nuovo a Palazzo dei Musei in Sala ex Oratorio, con “Boldini e la moda”, mostra in corso a Palazzo dei Diamanti di Ferrara fino al 2 giugno 2019. Interverrà Barbara Guidi, curatrice della mostra.

Informazioni on line (www.comune.modena.it/biblioteche) o sui social media: Facebook (biblioteche.modena) e Twitter (bibliotecheMO).

Azioni sul documento