Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2019 / Agosto / GRANDINE, “BENE LA DICHIARAZIONE DELLO STATO DI EMERGENZA”
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

07/08/2019

GRANDINE, “BENE LA DICHIARAZIONE DELLO STATO DI EMERGENZA”

“Ma speriamo di sapere al più presto quante risorse saranno effettivamente stanziate e con quali modalità”. Il commento del vice sindaco Gianpietro Cavazza

“Con la dichiarazione dello stato di emergenza per la grandinata e il maltempo del 22 giugno il Governo ha dato una prima risposta alla nostra richiesta e questa è una notizia positiva. Ora speriamo di sapere al più presto quante risorse saranno effettivamente stanziate e quali condizioni richieste per completare le procedure”. Il vicesindaco e assessore al Bilancio Gianpietro Cavazza commenta così la dichiarazione dello stato di emergenza deliberata dal Consiglio dei ministri per le province di Modena, Bologna e Reggio Emilia interessate dall’eccezionale maltempo dello scorso giugno.

“Insieme alla Regione Emilia Romagna, che fin dall’inizio ha sostenuto i territori nelle loro richieste – prosegue Cavazza – confidiamo che il Governo metterà a disposizione tutte le risorse necessarie a ripristinare i danni subiti sia dal pubblico che dai privati”.

I danni subiti dal patrimonio comunale sono stati stimati dai tecnici in 2 milioni e 780 mila euro; a questi si aggiungono i danni alle strutture della Provincia per circa 420 mila euro e dell’Università per 640 mila euro, per un totale di danni agli edifici pubblici pari a 3 milioni 840 mila euro. E sono 915 le segnalazioni per i danni subiti da immobili privati (826) e aziende (89) arrivate a oggi all’Amministrazione attraverso i canali ufficiali.

In attesa della dichiarazione dello stato di emergenza, il Comune ha già impegnato 500 mila euro per una serie di interventi particolarmente urgenti sulle strutture sportive comunali del PalaAnderlini, PalaMadiba e PalaMolza, sul Tempio monumentale, le sedi dei Quartieri 2 e 4, Palazzo Margherita, sede della biblioteca Delfini, le scuole medie Calvino e Cavour, le elementari Galilei e Giovanni XXIII.

Azioni sul documento