Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2019 / Agosto / IL BARBAROSSA IN SALA DEGLI ARAZZI AL PALAZZO COMUNALE
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

01/08/2019

IL BARBAROSSA IN SALA DEGLI ARAZZI AL PALAZZO COMUNALE

Domenica 4 agosto alle 18 visita guidata: i dipinti sulla contesa fra Impero e liberi Comuni

Nuova proposta di approfondimento sui tesori del centro di Modena, organizzata da Ar/s Archeosistemi con il servizio comunale Promozione della città e Turismo, con prenotazione obbligatoria via e-mail (torreghirlandina@comune.modena.it).

Domenica 4 agosto alle 18, ritrovo alle 17,45 in cima allo scalone di Palazzo Comunale in piazza Grande, parte una visita guidata gratuita alle Sale storiche intitolata Il Barbarossa nella Sala degli Arazzi: la contesa tra i Comuni e l'Impero”.

La visita vuole essere, appunto, un approfondimento della “Sala degli Arazzi”, un tempo adibita ad archivio e sala del sindaco. All'interno si ammirano grandi tele dipinte nel XVIII secolo dal pittore Girolamo Vannulli, che imitano la tecnica degli arazzi e danno per questa ragione il nome alla sala storica.

Il racconto delle guide si concentrerà in particolare sulla figura dell'imperatore Federico Barbarossa e sulla firma del trattato di pace di Costanza con i rappresentanti delle città della Lega Lombarda, che nel 1183 sancì le autonomie e libertà comunali.

La visita è gratuita, ma per partecipare si deve pagare il biglietto di ingresso. Il costo è lo stesso delle visite alle Sale Storiche senza accompagnamento e iniziative (2 euro) e si può partecipare anche con il biglietto unico Sito Unesco (6 euro) che non ha scadenza e consente l’accesso a tutti i luoghi del sito: l'ingresso alla Torre Ghirlandina, ai Musei del Duomo, e la visita guidata all'Acetaia Comunale (aperta i venerdì pomeriggio, sabato e domenica mattina e pomeriggio, previa iscrizione allo Iat, ufficio informazioni turistiche di piazza Grande 14, tel. 059 2032660).

Informazioni online (www.visitmodena.it).

Azioni sul documento