Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2020 / Marzo / COMPLANARINA, MUZZARELLI: “ORA L’OK DAL MINISTERO”
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

20/03/2020

COMPLANARINA, MUZZARELLI: “ORA L’OK DAL MINISTERO”

Sindaco di Modena soddisfatto per il passaggio del progetto al cda di Autostrade per l’Italia: “Invio entro marzo, ho già scritto alla ministra De Micheli”

“Un passo avanti decisivo, entro marzo il progetto sarà al Ministero dal quale ci attendiamo il via libera per poter partire con la gara d’appalto”. Il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli commenta con soddisfazione la notizia che il progetto della cosiddetta Complanarina abbia ottenuto l’ok del consiglio di amministrazione di Autostrade per l’Italia.

L’infrastruttura, un percorso di circa sei chilometri, realizzato per lo più in adiacenza all’Autosole, che collegherà la tangenziale con il casello autostradale di Modena sud a San Donnino, infatti, rappresenta “un investimento strategico per il nostro territorio, contribuendo a migliorare la sicurezza stradale, a spostare il passaggio dei mezzi pesanti dalla zona urbana e ad alleggerire il traffico sulla Vignolese e su via Gherbella”, sottolinea il sindaco ricordando le diverse migliorie al progetto apportate prima della definizione dell’esecutivo: per la località di Paganine, per esempio, è stata trovata una soluzione con una variante a Ovest dell’abitato, raccordata alla viabilità esistente con una rotatoria, oltre alla realizzazione di un nuovo parcheggio su strada Paganine.

“Il progetto esecutivo – ricorda Muzzarelli – ha tenuto conto delle esigenze tecniche emerse negli ultimi mesi, in particolare rispetto alla sicurezza idraulica dell’opera, e ora puntiamo a un rapido esame da parte del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: ho già mandato un messaggio alla ministra Paola De Micheli per chiederle, non appena il progetto sarà stato inviato, di accelerare le procedure per ottenere l’approvazione tecnica e il Decreto di pubblica utilità dell’opera”.

Azioni sul documento