Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2020 / Luglio / IL SINDACO HA INCONTRATO IN MUNICIPIO IL GENERALE ANGRISANI
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

13/07/2020

IL SINDACO HA INCONTRATO IN MUNICIPIO IL GENERALE ANGRISANI

Lunedì 13 luglio, il sindaco Muzzarelli ha dato il benvenuto al nuovo comandante della Legione Carabinieri Emilia Romagna

Il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, nel pomeriggio di oggi, lunedì 13 luglio, ha incontrato in Municipio il nuovo comandante della Legione Carabinieri Emilia Romagna, il generale di brigata Davide Angrisani accompagnato dal comandante provinciale, colonnello Marco Pucciatti.

Al centro del colloquio, durato circa un’ora, soprattutto l’attuale situazione di fragilità sociale conseguente all’emergenza sanitaria, in particolare per quanto riguarda le difficoltà economiche che vivono imprese e famiglie. Tra gli argomenti affrontati, anche le politiche per le sicurezze, dal punto di vista del disagio giovanile e dei possibili progetti per affrontarlo.

Il generale Angrisani, che ha assunto l’incarico il 12 giugno scorso in sostituzione del generale Claudio Domizi, ha 58 anni e si è formato all’Accademia di Modena. Specializzato in scienze strategiche e consulente giuridico delle Forze Armate in diritto dei conflitti armati, è arrivato a Bologna dopo essere stato capo di Stato maggiore del Comando interregionale Carabinieri Podgora di Roma e aver svolto importanti esperienze investigative in aree del paese ad alto indice di criminalità. Il generale Angrisani ha retto, inoltre, il Comando provinciale di Cagliari, è stato addetto militare aggiunto a Tunisi per tre anni e più volte impiegato con incarichi di capo ufficio nelle diverse articolazioni dello Stato maggiore del Comando generale.

Nel dare il benvenuto, a nome della città, al generale Angrisani nel suo nuovo ruolo, il sindaco gli ha donato una boccetta di aceto balsamico prodotto nell’Acetaia del Comune, invitandolo a tornare a Modena.

Azioni sul documento