Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Dichiarazione di variazione Imu - Tasi enti non commerciali

 

La dichiarazione unica sia per l’IMU che per la TASI riguarda esclusivamente gli enti non commerciali che posseggono immobili oggetto dell’esenzione di cui all’art. 7, comma 1, lettera i) del D.Lgs. n. 504/1992.
Se gli immobili hanno un’utilizzazione mista sia per attività in esenzione che non, occorre quando possibile, ai sensi dell’art. 91-bis, comma 2, del D.L. n. 1/2012 provvedere all’accatastamento autonomo; se ciò non è possibile l’esenzione si applica in proporzione all’utilizzazione non commerciale degli stessi secondo i parametri indicati in dichiarazione.

Gli Enti non commerciali pertanto dovranno distintamente dichiarare
  • gli immobili totalmente imponibili
  • gli immobili parzialmente imponibili o totalmente esenti
Modello di dichiarazione

Disponibile sul sito dell'Agenzia delle Entrate

Le specifiche tecniche per trasmettere telematicamente la dichiarazione Imu Tasi degli Enti non commerciali sono contenute nel Decreto Ministeriale del 4 agosto 2014 e relativo Allegato A.

La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell’imposta.
La dichiarazione deve essere presentata entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui il possesso o la detenzione degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dei Tributi.

Si ricorda che:

  • con la risoluzione n. 1/DF dell'11/1/2013 il Dipartimento delle Finanze fa presente che gli enti noncommerciali (anche relativamente agli immobili esenti nel 2012) non dovevano presentare la dichiarazione IMU approvata con D.M. Del 30/10/2012 per gli immobili per i quali l'obbligo dichiarativo è sorto dal 1° gennaio 2012, ma secondo apposito modello dichiarativo
  • con la Legge n. 147/2013 – Legge di Stabilità 2014 – al comma 719 viene stabilito che ai fini dell’imposta municipale propria (IMU) gli enti non commerciali (di cui all’esenzione dell’art. 7 comma 1, lettera i) del D.Lgs. 504/1992) presentano la dichiarazione esclusivamente in via telematica, secondo le modalità approvate conapposito decreto del Ministero dell'economia e delle finanze. Con le stesse modalità ed entro il termine del 30/9/2014 previsto dal Decreto Ministeriale 26 giugno 2014 e prorogato al 1° dicembre 2014 (30 novembre festivo) dal Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 23 settembre 2014 deve essere presentata la dichiarazione relativa agli anni 2012 e 2013.
VERSAMENTO

Il versamento è effettuato esclusivamente secondo le disposizioni di cui all'art. 17 del Decreto Legislativo n. 241/1997 ovvero con il Mod. F/24 in tre rate.
Le prime due, di importo pari ciascuna al 50 per cento dell'imposta complessivamente corrisposta per l'anno precedente, con scadenza

  • Prima rata di acconto entro il 18 giugno (il 16 è sabato e il 17 domenica);
  •  la seconda rata entro il 17 dicembre (il 16 è domenica).

la terza ed ultima rata, a conguaglio dell'imposta complessivamente dovuta, entro il 16 giugno dell'anno successivo a quello cui si riferisce il versamento ovvero entro il 16/6/2019.

Restano comunque valide le modalità di pagamento con compensazione sia con un credito erariale sia con un credito IMU maturato dalla dichiarazione presentata successivamente alla data di entrata in vigore della
presente legge ovvero dal 1° gennaio 2014.


AVVERTENZA: gli enti non commerciali che possiedono esclusivamente immobili che non rientrano nelle fattispecie di esenzione di cui all’art. 7, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 504/1992 devono presentare, sia pèer l'Imu che per la Tasi, la dichiarazione ordinaria approvata con D.M. 30 ottobre 2012.


Data dell'ultimo aggiornamento:
04/06/2018
Dove Rivolgersi
Via Santi, 40
Tel: 059/2032614
Fax: 059/2032167
Lunedì e giovedì 8.30-13.00 e 14.30-18.00; mercoledì 8.30-13.00