Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Rimborso e compensazione

Rimborso
Il rimborso delle somme versate e non dovute deve essere richiesto dal contribuente entro il termine di cinque anni dal giorno del versamento, ovvero da quello in cui  è stato accertato il diritto alla  restituzione. L'ente locale provvede ad effettuare il rimborso entro centottanta giorni dalla data di presentazione dell'istanza.
Compensazione
Oltre alla modalità di versamento con F24 o bollettino di conto corrente,  è possibile il pagamento dell'imposta IMU e del tributo TASI anche per compensazione, in sede di dichiarazione dei redditi, con un credito erariale.
N.B.  il pagamento dei modelli F/24 in compensazione con un credito erariale deve essere effettuato solo in via telematica cioè trasmettendo via internet il modello F/24 tramite i servizi telematici delle Entrate o delle banche o delle poste.
Per le compensazioni con saldo finale “di importo pari a zero” si potranno usare solo i servizi telematici delle Entrate (art. 11 D.L. 66/2014).

  • compensazione previa comunicazione, con un credito IMU  ( Imu/Imu)
  • compensazione previa comunicazione, con un credito TASI ( Tasi/Tasi)
Si precisa che il pagamento in compensazione IMU/TASI  è consentito solo previo visto autorizzativoapposto dall'ufficio in sede di presentazione della comunicazione.
Data dell'ultimo aggiornamento:
04/06/2018
Dove Rivolgersi
Via Santi, 40
Tel: 059/2032614
Fax: 059/2032167
Lunedì e giovedì 8.30-13.00 e 14.30-18.00; mercoledì 8.30-13.00