Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Dimissioni protette da presidi sanitari

La dimissione protetta garantisce che la cura e l’assistenza, di cui necessita la persona in dimissione dall’ospedale, siano attuate senza interruzione al domicilio o presso residenze tutelari. È un intervento teso ad ottimizzare l’assistenza al paziente nel passaggio dalla fase acuta (ospedalizzazione) alla fase sub-acuta e/o cronica (domicilio, rete dei servizi socio sanitari) in relazione ai suoi bisogni ed al tipo di patologia.
La dimissione protetta, attivata dai reparti ospedalieri,  si avvia  attraverso  una segnalazione all'Ufficio accoglienza del Punto Unico di Accesso Sociosanitario di Baggiovara e del Policlinico  (PUASS), che si occupa di individuare i professionisti sociali e sanitari  più idonei  a valutare la situazione di bisogno per elaborare un progetto personalizzato e ad attivare i servizi e gli interventi necessari.
Il servizio è rivolto a persone in condizioni di parziale o totale non autosufficienza, che alla dimissione ospedaliera necessitino di supporto.


Destinatari

Persone in condizioni di parziale o totale non autosufficienza, che alla dimissione  necessitino di supporto dei servizi sanitari e/o socio-sanitari territoriali.


Modalità

Il coordinatore infermieristico ospedaliero, segnala al Punto Unico di Accesso Socio Sanitario il paziente che presenta bisogni sanitari e socio assistenziali in fase di dimissione dall'Ospedale.


Dove rivolgersi

La segnalazione viene fatta dal Medico di Medicina Generale tramite il PUASS - Punto Unico di Accesso Socio Sanitario.



Data dell'ultimo aggiornamento:
12/11/2015
Dove rivolgersi

La segnalazione viene fatta dal Medico di Medicina Generale tramite il PUASS - Punto Unico di Accesso Socio Sanitario.