Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Servizi per la mobilità

Il trasporto rappresenta un elemento imprescindibile per agevolare e consentire la frequenza del disabile ai diversi servizi e attività offerti dal territorio.

La mobilità e pertanto il trasporto rappresenta un punto cardine per permettere una reale integrazione essendo presupposto per permettere alla persona disabile di poter raggiungere il posto di lavoro, il centro diurno, le attività di socializzazione, i luoghi normali di aggregazione e non ultimo i luoghi dove vengono effettuate terapie e cure riabilitative.

Il Comune di Modena offre informazioni e orientamento sui servizi pubblici e privati legati alla mobilità.
E' stato inoltre pubblicato l'elenco pubblico dei soggetti che effettuano attività di  trasporto per persone con problemi di autosufficienza psico-fisica; tale strumento vuole essere di supporto alle famiglie e/o alle persone con disabilità che necessitano di acquistare servizi privati di trasporto. L’istituzione di tali elenchi ha lo scopo di favorire un'adeguata informazione rispetto al sistema di opportunità ed offerte del mercato privato. Gli elenchi pubblici includono tutti i soggetti profit e no-profit esistenti nel territorio comunale o che intendono insediarsi sul territorio, che hanno fatto domanda di iscrizione e hanno presentato i requisiti richiesti.


Il trasporto per gli utenti frequentanti i centri diurni e socio-occupazionali viene di norma garantito dai gestori dei centri dopo un attenta valutazione da parte dei servizi sull'impossibilità dell'utente di essere accompagnato ai centri da parenti e/o famigliari.

Rispetto alle persone con disabilità che hanno necessità di trasporto per recarsi sul luogo di lavoro, è possibile avere un rimborso secondo quanto deliberato dalla Giunta comunale nelle linnee guida  per la disciplina dell'erogazione di benefici economici per persone in condizioni di disabilità finalizzati all'acquisto di attività di trasporto per il mantenimento dell'attività lavorativa  D.G. 210/2015.

Le attività fanno parte del progetto personalizzato condiviso tra famiglia, Utente e assistente sociale. Vengono attivate attraverso un percorso di presa in carico da parte del Servizio Sociale.


Dove rivolgersi

Sportello sociale del polo di appartenenza in base alla residenza anagrafica


Compartecipazione alla spesa

Al cittadino è richiesto il pagamento di 1.20 euro a viaggio se frequentante centri diurni e socio-occupazionali. Invece per il trasporto al lavoro il costo è a totale carico dell’utente (tariffe definite dai vari soggetti inseriti nell’albo) e viene in parte rimborsato dal servizio sulla base dell’ISEE.

Data dell'ultimo aggiornamento:
02/11/2015