Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2013 / Novembre / “EUROPANTHEON”, ALLA DELFINI RITORNA IL “RATTO D’EUROPA”
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

21/11/2013

“EUROPANTHEON”, ALLA DELFINI RITORNA IL “RATTO D’EUROPA”

Da sabato 23 novembre in biblioteca i protagonisti dell'immaginario europeo. La galleria di ritratti parte da Dracula col regista Claudio Longhi e l’attore Simone Francia

Da Giulio Cesare a Oblomov, da Edith Piaf a Magellano, l'identità culturale europea si mostra nelle sue sfaccettature con la leggerezza del gioco letterario. Con la rassegna “Europantheon”, che inizia sabato 23 novembre alle 18, il “Ratto d'Europa”, grande progetto scenico e culturale partecipato prodotto da Ert Emilia Romagna Teatro e Teatro di Roma, fa nuovamente tappa alla biblioteca Delfini.

“Europantheon”, che si apre con un appuntamento dedicato a Dracula, proporrà fino a metà febbraio a Palazzo Santa Margherita (corso Canalgrande 103) una carrellata in nove incontri sui protagonisti della cultura europea, reali o immaginari. Un pantheon poco istituzionale, nel quale ciascun attore della compagnia del Ratto (Donatella Allegro, Nicola Bortolotti, Michele Dell'Utri, Simone Francia, Olimpia Greco, Lino Guanciale, Diana Manea, Eugenio Papalia, Simone Tangolo) ha “adottato” un personaggio illustre per ritrarlo con pagine di letteratura lette o recitate. Le coordinate storico-culturali sono affidate alle introduzioni di studiosi e intellettuali. L’ingresso a tutti gli incontri è libero e gratuito.

La galleria di ritratti si apre, appunto, con un campione dell'immaginario gotico, il conte Dracula (“per gli amici, Vlad”), raccontato dal regista Claudio Longhi e dall'attore Simone Francia. A seguire, si farà conoscenza con Oblomov (30 novembre), Edith Piaf (7 dicembre), Elettra (14 dicembre), Maria Stuarda (11 gennaio), Peter Schlemil (18 gennaio), Giulio Cesare (25 gennaio), Magellano (1 febbraio), Dino Campana (15 febbraio).

Il “Ratto d'Europa” a Modena si è segnalato per il suo carattere partecipativo: sono oltre 60 le istituzioni e associazioni culturali modenesi che hanno contribuito alla scrittura drammaturgica con una propria idea di Europa. Con lo stesso metodo, e dopo oltre un anno di incontri e laboratori, “Il Ratto” andrà in scena a Roma.

Al termine dell’appuntamento di sabato 23 novembre saranno presentati i nuovi “LaboRat”, laboratori che, sulla scia di quanto fatto nella scorsa stagione, si pongono l'obiettivo, in pochi incontri, di sviluppare un percorso di scrittura teatrale supervisionato dagli attori del "Ratto d'Europa". La presentazione dei laboratori sarà seguita da un piccolo rinfresco.

Per informazioni su “Europantheon” si può contattare la biblioteca Delfini di corso Canalgrande 103 (tel. 059 2032940) o consultare il sito internet (www.comune.modena.it/biblioteche).

Azioni sul documento