Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2017 / Novembre / IN CONSIGLIO PARCO FERRARI E DIREZIONALE MANFREDINI
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

08/11/2017

IN CONSIGLIO PARCO FERRARI E DIREZIONALE MANFREDINI

Nella seduta di giovedì 9 novembre anche una delibera e diversi ordini del giorno

Saranno i progetti per il parco Ferrari dopo Vasco e il futuro del Direzionale Manfredini i temi principali all’ordine del giorno nella seduta del Consiglio comunale di giovedì 9 novembre.

La seduta prenderà avvio alle 15 proprio con la trattazione delle due interrogazioni “Dopo Vasco, quali progetti per il Parco Ferrari?” e “Quale futuro per il Direzionale Manfredini?”.

Alle 15.30 è previsto l’appello e la trattazione della delibera sulla Rinegoziazione per il secondo semestre 2017 del mutuo concesso dalla Cassa Depositi e Prestiti spa. Seguirà la discussione di una serie di ordini del giorno su “Concorso di sculture su rotonde”, “L’aumento costante degli arrivi di migranti richiede politiche chiare e decisive per limitare e regolamentare il flusso e interrompere la catena sempre più lunga dei morti in mare”, “Riconoscenza e gratitudine nei confronti delle Forze dell’ordine che difendono il diritto sancito dall’articolo 21 della Costituzione italiana ‘di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione’”, “La separazione delle carriere all’interno della Magistratura: una necessità non più procrastinabile per il nostro ordinamento di giustizia”, “Difesa dell’Accordo internazionale di COP21 sui cambiamenti climatici (Parigi 2015)”, “Modifiche al regolamento Commissioni consiliari”, “Maggior coinvolgimento del Consiglio comunale nel percorso delle nomine”, “Ferma condanna degli atti vandalici al Parco della Resistenza e ripristiniamo il Parco insieme”, “A sostegno di un commercio libero e giusto e per un’Europa libera dal Ceta”, “Preoccupazione per gli effetti sull’economia italiana, dell’Emilia Romagna e di Modena in particolare per le conseguenze delle sanzioni UE nei confronti della Russia”.

 

Azioni sul documento