Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2017 / Dicembre / OK AL FRAZIONAMENTO DI UN’UNITÀ IN STRADA ALBARETO
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

01/12/2017

OK AL FRAZIONAMENTO DI UN’UNITÀ IN STRADA ALBARETO

Il Consiglio comunale approva un permesso di costruire in deroga agli strumenti urbanistici reso possibile attraverso lo Sblocca Modena

Il Consiglio comunale ha dato il via libera al frazionamento di un’unità immobiliare in strada Albareto 698 senza alcun aumento di superficie utile.

Nella seduta di giovedì 30 novembre, l’Aula ha infatti approvato con il voto a favore di tutti i gruppi presenti eccetto FI ed Energia, che si sono astenuti, la delibera sul nulla osta al permesso di costruire in deroga agli strumenti urbanistici comunali reso possibile grazie allo strumento Sblocca Modena.

L’intervento consiste nel frazionamento dell’alloggio posto al primo piano per ricavare due unità abitative, una di circa 70 metri quadrati e l’altra di circa 75. Il progetto prevede la chiusura di una porta e la realizzazione degli impianti necessari per la trasformazione delle unità abitative. Entrambi gli alloggi saranno dotati di una cantina e nell’area cortiliva saranno predisposti tre parcheggi privati. La dotazione di parcheggi pubblici prevista dalle norme, corrispondente a uno, sarà monetizzata.

“La deroga riguarda la densità edilizia – ha spiegato l’assessora all’Urbanistica Anna Maria Vandelli presentando la delibera – intesa come aumento di una ulteriore nuova unità abitativa, in quanto si realizza un alloggio in più rispetto alla capacità insediativa prevista. Viene raddoppiata la densità di alloggi, portata a 34 per ettaro, che resta comunque modesta. Si va nella direzione di un miglior utilizzo del patrimonio edilizio esistente e ne promuoviamo la riqualificazione, perfettamente in linea con gli obiettivi dello Sblocca Modena”.

Oltre al contributo di costruzione previsto per legge, la società Agrifer di Casarini Ottavio e figli srl, proprietaria dell’immobile, verserà all’Amministrazione comunale un contributo straordinario di circa 4 mila 400 euro.

Azioni sul documento