Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2017 / Settembre / SUMMER SCHOOL / 3 – SI PARLA DI DIFESA COMUNE E BREXIT
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

08/09/2017

SUMMER SCHOOL / 3 – SI PARLA DI DIFESA COMUNE E BREXIT

Sabato 9 settembre si affronta il tema della politica estera con Pierre Vimont, primo capo della diplomazia europea. Domenica 9 settembre protagonista sarà la Brexit

Temi di grandissima attualità, discussi con protagonisti di rilievo, nel programma del fine settimana della Summer School Renzo Imbeni di Modena che si sposta in Municipio, nella sala del Consiglio comunale.

Sabato 9 settembre, nella seconda giornata dei lavori, il corso di alta formazione sull’Unione europea, promosso dal Comune di Modena, affronta il tema della possibilità di una politica estera comune dell’Unione e lo fa con Pierre Vimont, il primo capo della diplomazia europea, senior fellow di Carnegie Europe e, dal 2016, delegato speciale dell’iniziativa francese per la Conferenza sulla pace in Medio Oriente; Armando Barucco, capo dell’Unità di Analisi, programmazione e documentazione storico-diplomatica del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, che approfondirà “Il dilemma della politica estera europea tra ‘soft power’ e ‘hard power’: l’Ue come attore globale in un mondo apolare”; Inge Govaere, docente di Diritto dell’Unione europea all’Università di Gand e direttrice del Dipartimento di Studi giuridici europei al Collegio d’Europa di Bruges. Presiede la sessione, il direttore scientifico della Summer School Marco Gestri, professore di Diritto internazionale e dell’Unione europea all’Università di Modena e Reggio Emilia.

Nel pomeriggio di sabato è previsto un workshop, in inglese, sul tema “L’America di Trump e l’Unione europea” nel corso del quale Riccardo Alcaro, responsabile di ricerca nel programma Attori globali dell’Istituto Affari Istituzionali, intervista insieme agli studenti Jeremy Shapiro, direttore di ricerca allo European Council on Foreign Relations. È stato membro del progetto sull’ordine e strategia internazionale del Centro Stati Uniti e l’Europa di The Brookings Institutions.

Tema centrale della mattinata di domenica 9 settembre sarà la Brexit, “Se, come e quando”. A sviluppare il tema saranno Nicolas Lane, responsabile per gli affari interistituzionali e la programmazione legislativa della Direzione generale della Presidenza del Parlamento europeo e, dal 2016, consigliere speciale dell’onorevole Guy Verhofstadt, negoziatore del Parlamento europeo per la Brexit; Mercedes Bresso, deputata del Parlamento europeo, che tratterà del nuovo assetto politico dell’Unione europea; Lucia Serena Rossi, professoressa di Diritto dell’Unione europea all’Università di Bologna, che interviene sugli aspetti giuridici della Brexit. Presiede la sessione Salvatore Aloisio, professore di Diritto pubblico e Diritto dell’Unione europea, all’Università di Modena e Reggio Emilia.

Nella sessione pomeridiana, dalle 15, si parlerà invece del governo dell’economia europea nel nuovo quadro mondiale. Intervengono: Antonia Carparelli, consigliera per la governance economica, Rappresentanza in Italia della Commissione europea, sul tema della governance dell’Unione economica e monetaria; Ronny Mazzocchi, consigliere economico presso la Presidenza della Commissione affari economici e monetari del Parlamento europeo, che parlerà delle lezioni della crisi e delle sfide aperte; Maria Cecilia Fregni, professoressa di Diritto tributario, Università di Modena e Reggio Emilia, sulle azioni e le competenze dell’Ue in materia fiscale.

Presiede la sessione Giovanni Solinas, direttore del dipartimento di Economia “Marco Biagi”,Università di Modena e Reggio Emilia. 

Azioni sul documento