Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2020 / Ottobre / ALLA GUIDA UBRIACO, 24ENNE DENUNCIATO DOPO L’INCIDENTE
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

26/10/2020

ALLA GUIDA UBRIACO, 24ENNE DENUNCIATO DOPO L’INCIDENTE

La Polizia locale ha fermato il giovane coinvolto nello scontro avvenuto tra via Guicciardini e via Sassi: aveva un tasso alcolico oltre il triplo del consentito.

Aveva un tasso alcolico oltre il triplo del consentito un 24enne fermato dalla Polizia locale di Modena dopo un incidente stradale: per il giovane, coinvolto nello scontro avvenuto intorno alle 3 della notte tra domenica 25 e lunedì 26 ottobre all’incrocio tra via Guicciardini e via Sassi, è scattata la denuncia per guida in stato di ebbrezza.

Secondo la ricostruzione dell’Infortunistica, la Ford Fusion condotta dal 24enne marocchino, che vive in città, stava procedendo in via Guicciardini in direzione di via Wiligelmo quando, per ragioni in corso di accertamento, è venuta a collisione col furgone Iveco, guidato da un 54enne bolognese, che procedeva in via Sassi. Sul posto sono intervenute le pattuglie, che hanno avviato i rilievi, assieme a un’ambulanza del 118 che ha soccorso la passeggera della Fusion, una 20enne anch’essa residente a Modena, rimasta contusa.

Entrambi i conducenti sono stati sottoposti all’alcoltest dagli operatori del Comando di via Galilei e dall’esame è stato riscontrato lo stato di alterazione del 24enne, che presentava un tasso di 1,65 grammi per litro (il limite è 0,5). Al giovane, quindi, è stato contestato il reato definito dall’articolo 186 del Codice della strada e gli è stata ritirata la patente. Mentre la Ford, di sua proprietà, è stata sequestrata.

Sarà ora l’Autorità giudiziaria a decidere in quale misura applicare la sanzione penale a carico dell’automobilista (l’ammenda prevista va da 1.500 a 6mila euro) ed eventuali sanzioni accessorie, la detrazione dei punti e la durata della sospensione del documento di guida da uno a due anni. L’ammenda potrà anche essere aumentata da un terzo alla metà, in quanto il fatto è stato commesso nelle ore notturne (dopo le 22 e prima delle 7).

Azioni sul documento