Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2014 / Marzo / LA MUSICA E I BAMBINI / 2 – IN 60 SERVIZI EDUCATIVI DELLA CITTÀ
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

11/03/2014

LA MUSICA E I BAMBINI / 2 – IN 60 SERVIZI EDUCATIVI DELLA CITTÀ

Dal gesto sonoro al violino: con il Progetto Musica proposte per giocare e crescere nei nidi e nelle scuole d’infanzia comunali, statali e convenzionate di Modena

Il convegno nazionale di Nati per la musica, in programma il 15 marzo, è per l’assessorato all’Istruzione e alle Politiche per l’Infanzia del Comune di Modena l’occasione per chiedere l’accreditamento del “Progetto Musica nei servizi 0-6 anni”, che già negli anni ’80 ha portato la musica nelle scuole d’infanzia comunali e successivamente in quelle statali e convenzionate. Dopo una breve esperienza a carattere sperimentale, l’attività si è diffusa in modo generalizzato anche nei nidi d’infanzia. Oggi il progetto è esteso a 60 servizi educativi della città, tra comunali, convenzionati e statali, e vede coinvolti 21 docenti di musica.

I docenti sono musicisti diplomati in strumento, con un rapporto di collaborazione con l'Istituto Musicale Vecchi Tonelli che fornisce i docenti al progetto coordinato dal Comune. Inoltre, un valido supporto all’esperienza è costituito dalla Sezione Musica del Multicentro Educativo Sergio Neri di viale J. Barozzi, dove è possibile consultare e prendere in prestito testi di pedagogia e didattica musicale, riviste specializzate, documentazioni di esperienze. La sezione mette a disposizione anche numerosi materiali musicali, impianti per le registrazioni e le produzioni sonore.

“Non è un caso - afferma l’assessore comunale alle Politiche per l’Infanzia Adriana Querzè - che il convegno di Nati per la musica si faccia a Modena dove esiste una lunga e consolidata tradizione di attenzione alla musica nello sviluppo del bambino sin dalla primissima infanzia. Nei servizi educativi 0-6 della città i bambini imparano a conoscere, percepire e manipolare le sonorità. Attraverso il gioco – continua l’assessore - apprendono e sperimentano la realtà, per questo le proposte musicali offerte sono varie e articolate”. Le prime attività al nido sono prevalentemente centrate su suono e gesto; alla scuola dell'infanzia si passa gradualmente a una caratterizzazione più simbolica dell'esperienza musicale, sviluppando un percorso che vede i bambini protagonisti attivi nella costruzione del progetto. Negli incontri settimanali, i musicisti sostengono la fiducia esplorativa e la produzione sonora dei bambini, costruiscono materiali, musicano favole e narrazioni, rielaborano idee, suggerimenti e proposte dei genitori. E suonano il violino, il flauto, le percussioni o la tromba. Sentire suonare uno strumento dal vivo è un’esperienza straordinaria per un bambino.

Azioni sul documento