Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2014 / Marzo / MOBILITÀ DOLCE/1 – ANCHE IN CITTÀ IL BIKE SHARING REGIONALE
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

31/03/2014

MOBILITÀ DOLCE/1 – ANCHE IN CITTÀ IL BIKE SHARING REGIONALE

Il nuovo servizio sarà inaugurato, tra tante iniziative, il 6 aprile in occasione della domenica senz’auto. Dal 4 al 7 aprile si sperimentano zone 30 nel quartiere Sacca

 

 

Da domenica 6 aprile in piazza Dante Alighieri dalla stazione dei treni, in piazza Matteotti e nei pressi del terminal degli autobus di via Gottardi sarà possibile prelevare una delle biciclette del bike sharing regionale “Mi muovo in bici”.

Il nuovo servizio di noleggio delle biciclette sarà infatti inaugurato, tra sciami di biciclette, aste di beneficenza di bici usate, camminate nordiche o con gli amici a quattro zampe e mercatini, esibizioni di free style, spettacoli di bike trial, laboratori per bambini e tanto altro, in occasione dell’iniziativa “Domenica senz’auto, liberiamo l’aria”, in cui potranno circolare solo le auto elettriche, quindi a emissioni zero. Dalle 14.30 di venerdì 4 alle 18 di lunedì 7 aprile, inoltre, nel quartiere Sacca verranno allestiti temporaneamente rallentatori di velocità per sperimentare strade a misura d’uomo e condivise quali sono le zone 30.

La prima domenica d’aprile avrà quindi come protagonisti assoluti pedoni e i ciclisti. Dalle 9 alle 18 sarà vietata la circolazione a tutti i veicoli a motore, compresi i veicoli alimentati a Gpl, a metano, a diesel o a benzina (tutte le categorie euro), i veicoli ibridi, le pool car, i ciclomotori e i motocicli. L’area soggetta a limitazione è la stessa della manovra antinquinamento attuata nel periodo tra ottobre 2013 e marzo 2014. Anche i mezzi pubblici rispetteranno la domenica senz’auto: saranno infatti usati solo bus a metano o filobus. L’iniziativa è curata dal Comune di Modena, Multicentro ambiente e salute e Liberiamo l’aria, con la collaborazione di numerosi sponsor. I volontari dell’associazione “Vivere sicuri” aiuteranno la Polizia municipale nel fornire informazioni ai cittadini sulle limitazioni del traffico. Tante, articolate e gratuite le proposte nelle piazze e in vari angoli della città per chi vorrà muoversi e stare in compagnia durante l’arco della giornata festiva. Anche molte attività commerciali del centro storico, inoltre, saranno aperte.

Il taglio del nastro del bike sharing è in programma alla stazione ferroviaria centrale alle 10.30 alla presenza del Sindaco Giorgio Pighi, dell’assessore all’Ambiente Simona Arletti e dell’assessore alla Programmazione territoriale della Regione Emilia-Romagna Alfredo Peri. L’Amministrazione comunale ha attivato questo sistema di noleggio delle biciclette già presente in altre città della Regione, che a Modena si va ad aggiungere al servizio gratuito “C’Entro in bici”, con l’obiettivo di implementare la rete di servizi di trasporto integrato regionale. Con la stessa tessera “Mi muovo”, infatti, i cittadini dell’Emilia Romagna possono utilizzare diverse modalità di trasporto su tutto il territorio regionale: autobus, treni e bici urbani ed extraurbani, regionali e locali, biciclette tradizionali e, in alcune città, a pedalata assistita. La Regione ha fornito le biciclette, complete di postazioni, in comodato al Comune, che si è invece occupato delle installazioni necessarie e della gestione del servizio.

A Modena saranno disponibili una trentina di biciclette a pedalata tradizionale, con 15 colonnine per il prelievo o deposito in ogni postazione, in modo da rendere possibile il ritiro del mezzo in una postazione e la consegna in un’altra. Il servizio, attivo 7 giorni su 7, 24 ore su 24, è destinato a tutti i cittadini dell’Emilia-Romagna dai 16 anni in su, in particolare a pendolari e turisti, che hanno la necessità di effettuare brevi spostamenti in città, senza imbattersi nel problema dell'accesso alla Ztl o del parcheggio.

Il noleggio giornaliero ha un costo di 5 euro, mentre gli abbonamenti annuali ricaricabili hanno un costo fisso di iscrizione annuale di 15 euro, cui vanno aggiunti 5 euro di spesa per la tessera e 5 di ricarica minima obbligatoria. La prima mezzora di utilizzo è gratuita, quindi ad esempio, se un pendolare preleva la bicicletta in stazione dei treni per recarsi in centro storico e la deposita in piazza Matteotti, e ritorno, non avrà costi di utilizzo ulteriori a quello annuale fisso. Ogni mezzora successiva fino alla terza ora ha un costo di 0,80 centesimi e dalla terza alla 24esima ora di 2 euro all’ora. È possibile, inoltre, aggiungere una copertura assicurativa facoltativa con validità annuale al costo di 5 euro (per informazioni www.comune.modena.it/mobilita, numero verde regionale 800 388988; per abbonamenti Ufficio relazioni con il pubblico del Comune di Modena, tel. 059 20312, o www.mimuovoinbici.it).

Azioni sul documento