Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2018 / Maggio / IN AULA IL REGOLAMENTO DI EDILIZIA CONVENZIONATA E AGEVOLATA
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

16/05/2018

IN AULA IL REGOLAMENTO DI EDILIZIA CONVENZIONATA E AGEVOLATA

Nella seduta del Consiglio di giovedì 17 maggio anche la prima applicazione del Regolamento, interrogazioni e ordini del giorno

Sarà il Regolamento di Edilizia convenzionata e agevolata, insieme alla delibera della sua prima applicazione per la trasformazione di proprietà indivisa in proprietà individuale per una serie di alloggi, il tema principale all’ordine del giorno del Consiglio comunale di giovedì 17 maggio.

I lavori prenderanno il via alle 14.30 con la trattazione di tre interrogazioni: “Visita ispettiva MEF presso il Comune di Modena”, “Quartiere Madonnina – Verifica e aggiornamento del percorso contenuto nel Protocollo d’intesa, alla luce della nuova presenza di cattivi odori nell’area prospiciente le Fonderie Cooperative di Modena”, “Copertura economica per lavoratori sottoposti a cure oncologiche”.

Alle 15.30 è previsto l’appello e la trattazione delle delibere sul Regolamento Edilizia convenzionata e agevolata e sullo scioglimento della proprietà indivisa e modifica delle convenzioni degli alloggi realizzati nel terzo Comprensorio Peep – Nuovo stralcio ovest (via Mattarella) e nel Comparto Peep 24 Salvo D’Acquisto sud (via Faenza) dalla Cooperativa edificatrice case popolari (ora Caser).

Seguirà la discussione di tre ordini del giorno: “Anche Modena si merita un hospice ‘territoriale’ – la programmazione sanitaria preveda una struttura per il territorio modenese analogamente alle altre province della Regione Emilia Romagna”, “Negli Enti controllati e partecipati dal Comune di Modena vanno tenute lontane le aziende che non rispettano le norme di legge sul lavoro, sfruttano i lavoratori ed espongono a rischi a cominciare dall’Ente Fiera dei Modena”, “Giornata internazionale contro l’omofobia, bifobia, transfobia e lesbofobia”.

Azioni sul documento