Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2019 / Marzo / INAUGURATA PORTA NORD, ORA AL VIA GARA PER 4,3 MILIONI
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

11/03/2019

INAUGURATA PORTA NORD, ORA AL VIA GARA PER 4,3 MILIONI

Procedure entro aprile per la riqualificazione della mobilità nel quartiere del Progetto Periferie. E protocollo con Ferrovie per il sottopasso: altri 5 milioni

Si apriranno entro aprile le procedure di gara per completare gli interventi sulla mobilità dell’area nord di Modena, per un valore complessivo di circa 4,3 milioni di euro. Lo hanno annunciato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli e il presidente della società di trasformazione urbana CambiaMo Giorgio Razzoli inaugurando lunedì 11 marzo la riqualificazione di Porta Nord, con la nuova rotatoria, il raccordo con il parcheggio (315 posti auto) e la piazza dedicata alla ciclopedonalità, con la Velostazione, l’illuminazione a led e nuove telecamere per la videosorveglianza. All’inaugurazione erano presenti anche gli assessori ai Lavori pubblici Giulio Guerzoni, alla Mobilità Alessandra Filippi, alle Pari opportunità Irene Guadagnini, al Bilancio Andrea Bosi, e il direttore generale del Comune Giuseppe Dieci.

Gli interventi, dal valore complessivo di un milione e 800 mila euro, sono stati realizzati dalle aziende Coop Batea e Frantoio Fondovalle nell’ambito nel “Progetto Periferie. Ri-generazione e innovazione”, il Programma di riqualificazione urbana e sicurezza dell'area nord della città che ha ottenuto nel 2017 un finanziamento dal Governo di 18 milioni di euro e che prevede investimenti, pubblici e privati, per circa 59 milioni di euro.

La società di trasformazione urbana CambiaMo è il soggetto attuatore per i lavori previsti dal Programma e ha già aggiudicato in via definitiva a Iti Impresa generale spa di Modena, in raggruppamento temporaneo con Site spa di Bologna, anche la costruzione del Data Center, un investimento che ha un valore complessivo di 5,1 milioni di euro per realizzare il cuore tecnologico della città, consolidando e rendendo più efficiente la rete locale dell’Ict, andando a sostituire i Ced di enti pubblici e soggetti privati, migliorandone qualità e sicurezza. Il Data Center diventerà il punto di riferimento per la ricerca sia nel campo della sicurezza informatica, con la sede della Cyber Security Academy, sia per ciò che riguarda l’Automotive, con il programma Masa (Modena automotive smart area), ed entrerà a far parte della rete dei Data Center regionali in corso di realizzazione.

Nel frattempo, sabato 16 marzo si consegnano i lavori per la costruzione della palazzina di “Abitare sociale” in via Forghieri che prevede 33 alloggi e la realizzazione di un centro diurno per disabili, oltre alle opere di riqualificazione della strada. L’intervento, dal valore complessivo di 8,1 milioni di euro, è stato aggiudicato al raggruppamento di imprese composto da Costruzioni edili Baraldini Quirino spa di Mirandola e Sgargi srl di Bologna. La costruzione verrà avviata nel giro di alcune settimane, dopo i lavori preparatori.

Per l’area di Porta Nord, invece, dopo l’intervento inaugurato, è previsto un secondo stralcio di lavori dal valore di circa 5 milioni di euro per la realizzazione della pensilina e il prolungamento del sottopasso fino a piazza Dante, dotandolo di tappeti mobili. Si sta definendo il protocollo d’intesa con le Ferrovie dello Stato.

Intanto nella nuova piazza, dedicata alla ciclopedonalità e all’interscambio ferro-gomma, è stata realizzata una vera e propria Velostazione con un deposito protetto con 60 posti, otto nuove rastrelliere di “C’entro in bici” (con 32 bici gialle rispetto alle precedenti 24), venti nuovi portabici a “P” per assicurare un totale di 40 mezzi.

Tra le novità anche l’illuminazione pubblica a led realizzata da Hera Luce e l’installazione di nuove telecamere con la possibilità di monitorare tutta l’area, sia quella a parcheggio sia quella pedonale. Nell’area ci saranno complessivamente dieci telecamere: tre orientabili dalle forze dell’ordine, due fisse multiottiche (ognuna con quattro diverse inquadrature) e cinque fisse sulle zone di maggiore passaggio.

 

Azioni sul documento