Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2019 / Maggio / FONDERIE COOPERATIVE, IL COMUNE CONFERMA LA CHIUSURA
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

11/05/2019

FONDERIE COOPERATIVE, IL COMUNE CONFERMA LA CHIUSURA

Sarà entro il 31 gennaio 2022, ma se possibile anche prima. Una lettera ai cittadini della Madonnina in risposta alla petizione consegnata nei giorni scorsi

Il Comune di Modena conferma che Fonderie cooperative chiuderà lo stabilimento di via Zarlati entro il 31 gennaio 2022, quando scadrà l’Autorizzazione integrata ambientale (Aia), possibilmente anticipando la scadenza se si creano le giuste condizioni.

La cessazione delle attività nel sito attuale, insieme alla successiva bonifica dell’area con l’obiettivo della riqualificazione urbanistica e ambientale, è stata ribadita dall’Amministrazione nella lettera inviata ai cittadini della Madonnina per rispondere, come previsto dai regolamenti comunali, alle questioni sollevate con la petizione contro gli odori emessi dalla fonderia consegnata nei giorni scorsi. Nell’impossibilità di inviare la lettera solo ai sottoscrittori della petizione, si è ritenuto opportuno e doveroso inviarla a tutte le famiglie.

Nella lettera si sottolinea ancora una volta che la tutela della salute dei cittadini è la prima preoccupazione delle istituzioni e si ricorda che, come riportano i tecnici di Arpae, i risultati delle periodiche campagne di monitoraggio della qualità dell’aria effettuate confermano che le emissioni di Fonderie cooperative sono al di sotto, in alcuni casi abbondantemente, dei limiti di legge sia per le polveri sottili sia per gli altri inquinanti misurati come, per esempio, benzene, fenoli e aldeidi. Non ci sono, quindi, elementi oggettivi per procedere a indagini epidemiologiche, ma il Comune – è precisato nella lettera - ha comunque deciso di far eseguire più monitoraggi di quelli prescritti dall’Aia, garantendo la massima trasparenza dei risultati.

Prosegue, inoltre, la sperimentazione per la riduzione delle emissioni di odori sui camini E26 ed E27, dai quali proviene la quasi totalità delle emissioni della fonderia, che ha dato risultati pur non riuscendo a eliminare completamente gli odori, soprattutto quando si verificano condizioni climatiche avverse.

Tutti i risultati dei controlli e delle campagne di monitoraggio della qualità dell’aria, così come gli esiti della sperimentazione in atto sugli odori sono, come ricorda la lettera, consultabili nel sito di Arpae (raggiungibile dalla pagina del sito del Comune di Modena www.comune.modena.it/ambiente/emissioni-odorigene/monitoraggi-odori/monitoraggio-odori-fonderie-cooperative-soc-coop).

Azioni sul documento