Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2019 / Giugno / IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA GLI INDIRIZZI DI GOVERNO
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

20/06/2019

IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA GLI INDIRIZZI DI GOVERNO

A favore Pd, Sinistra unita per Modena, Modena solidale e Verdi. Contrari Lega, M5s, Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, Forza Italia

Il Consiglio comunale di Modena ha approvato, con il voto a favore dei gruppi di maggioranza e quello contrario delle opposizioni, il documento di indirizzi generali di governo della città presentato dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli nel corso della seduta di insediamento di giovedì 13 giugno.

Il documento è stato approvato oggi, giovedì 20 giugno, con il voto di Pd, Sinistra unita per Modena, Modena solidale e Verdi. Contrari Lega, M5s, Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, Forza Italia.

Come ha ricordato il sindaco, concludendo il dibattito che si è svolto in aula, una parte significativa del programma "troverà applicazione concreta già nei primi cento giorni e il primo anno di mandato sarà fondamentale per definire il percorso per arrivare agli obiettivi di sviluppo, sostenibilità ed equità che l’Amministrazione si è posta”.

Nell’ambito dei quattro punti sui quali è articolato il programma del centrosinistra per Modena – Identità e prospettive; Sviluppo intelligente e sostenibile; Sapere, includere e creare; Autonomia e democrazia – il sindaco ha indicato tra le priorità il lavoro, con il rinnovo del “Patto per la crescita” insieme a imprese, sindacati e associazioni del terzo settore; il proseguimento della politica degli investimenti pubblici e della semplificazione per far partire nuove attività oltre alla rigenerazione urbana. Tra i temi principali anche quello per la legalità e le sicurezze, ribadendo l’impegno su organici della Polizia municipale, videosorveglianza, controllo di vicinato, ma ribadendo la richiesta al Governo di coprire la carenza di organico delle Forze dell’ordine. Istruzione e formazione sono al centro del programma, con un piano da un milione di euro nell’ambito del nuovo Bilancio, così come l’approvazione del Pums, la redazione del nuovo Pug e un la creazione di un sistema culturale integrato che coinvolga in una rete virtuosa centro e periferia.

Azioni sul documento