Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2020 / Ottobre / MONOPATTINI ELETTRICI / 2 – IL VADEMECUM PER CHI LI GUIDA
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

23/10/2020

MONOPATTINI ELETTRICI / 2 – IL VADEMECUM PER CHI LI GUIDA

Niente uso del cellulare durante la marcia, vietato trainare o trasportare persone o cose. Non si può transitare o parcheggiare sui marciapiedi o sotto i portici

È vietato usare il telefono cellulare durante la marcia in monopattino e vanno mantenute entrambe le mani sul manubrio del mezzo, a eccezione che si debba segnalare la manovra di svolta. È vietato trainare o farsi trainare e non è consentito trasportare altre persone, cose o animali. Non si può procedere affiancati in più di due ed è comunque obbligatorio viaggiare su un’unica fila se le condizioni del traffico lo richiedono. Quando presente, è obbligatorio transitare sulla pista ciclabile, mentre è vietato il passaggio sui marciapiedi e sotto i portici, e il mezzo va portato a mano se esiste la possibilità di causare pericolo. Anche il parcheggio del mezzo è irregolare sui marciapiedi, così come in strada in posizioni che creano intralcio; si può invece parcheggiare negli stalli riservati ai velocipedi, nel caso in cui non sia espressamente vietato.

Il vademecum stilato dal Comune di Modena per raccogliere tutte le regole di utilizzo del monopattino a prevalente propulsione elettrica, sintetizzato nel volantino in distribuzione domenica 25 ottobre durante il momento informativo organizzato dalla Polizia locale in piazza Matteotti, è consultabile anche sul sito del Comune di Modena (comune.modena.it/politichedellesicurezze e comune.modena.it/aree-tematiche/trasporti-viabilita-mobilita-e-sosta). Per ulteriori informazioni si possono contattare gli uffici anche via e-mail scrivendo all’indirizzo di posta elettronica mosicura@comune.modena.it.

Per guidare il monopattino non è necessario possedere una patente ma bisogna avere almeno 14 anni e fino a 18 va usato il casco protettivo; non sono ammessi “passeggeri” e nelle aree pedonali si può viaggiare al massimo alla velocità di 6 chilometri orari, mentre in carreggiata, su strade urbane, si può arrivare fino a 25 chilometri orari. Su strade extraurbane è possibile circolare solo se è presente una pista ciclabile.

I monopattini a propulsione prevalentemente elettrica, i nuovi veicoli di micro-mobilità elettrica con marcatura CE prevista dalla direttiva comunitaria 2006/42, devono essere dotati di motore elettrico di potenza nominale continua non superiore a 0,5 chilowatt e devono presentare un campanello per segnalazioni acustiche. Non possono presentare posti a sedere e, dunque, sono utilizzabili solo con postura in piedi.

Nelle ore serali e notturne, ovvero mezz’ora dopo il tramonto, e in ogni situazione di scarsa visibilità anche di giorno, è obbligatorio indossare un giubbotto o le bretelle retroriflettenti ad alta visibilità e utilizzare, durante la marcia, dispositivi di illuminazione del mezzo anteriori e posteriori. In caso di assenza delle luci, il monopattino va condotto a mano dall’utente che diventa così pedone.

La sanzione per chi viola le normative varia da 50 a 100 euro a seconda delle circostanze; mentre la circolazione con un monopattino elettrico con caratteristiche difformi da quelle definite dalla normative comporta la confisca del veicolo, oltre al verbale di 100 euro.

 

Azioni sul documento