Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2020 / Luglio / LA PROTESTA / 2 – I PARAMETRI CHE PENALIZZANO MODENA
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

14/07/2020

LA PROTESTA / 2 – I PARAMETRI CHE PENALIZZANO MODENA

Il calcolo tiene conto del rapporto tra spesa di personale e media delle entrate correnti nel triennio, senza considerare livello dei servizi e modalità di gestione

Nella lettera al presidente Conte, il Comune spiega nel dettaglio la “drammaticità del quadro occupazionale” alla luce del decreto che prevede un sistema di copertura del turn over legato alla sostenibilità finanziaria, attraverso la definizione di valori soglia di riferimento per ogni classe demografica di Ente definiti dal rapporto tra il totale della spesa di personale e la media delle entrate correnti del triennio precedente, senza tener conto del livello dei servizi e delle modalità di gestione. In questo modo, si spiega, non si fanno distinzioni tra Comuni, come Modena, “con un bilancio sano, un livello di indebitamento tra i più bassi del Paese, senza sofferenze di cassa e con un’ottima tempestività dei pagamento ai fornitori, e Comuni che faticano a rispettare tali parametri”.

Inoltre, aggiunge il vice sindaco e assessore al Personale Gianpietro Cavazza, il meccanismo introdotto “blocca il ricambio generazionale e impedisce nei fatti l’inserimento nuove professionalità e competenze oggi sempre più necessarie per una pubblica amministrazione che intende porsi come obiettivo l’innovazione, la programmazione, il controllo e la valutazione delle politiche che promuove”.

Con la normativa precedente il Comune di Modena avrebbe avuto una capacità assunzionale legata alle cessazioni 2019, non ancora utilizzata, e al primo trimestre 2020, prima dell'entrata in vigore del Decreto, pari a circa due milioni e 200 mila euro, equivalente a circa 80 posti di lavoro.

Con l’applicazione del decreto, integrato dalle disposizioni della circolare di giugno, la spazio assunzionale scende a 375 mila euro (nove unità di personale) in quanto il rapporto tra la spesa di personale e la media delle entrate correnti del triennio al netto dei Fondi crediti di dubbia esigibilità è uguale a 27,43% sul rendiconto 2018; la percentuale di riferimento per il Comune (fascia demografica g) è del 27,60 % e, pur rientrando tra gli “enti virtuosi” la differenza tra quei due dati ha come risultato 0,17 % che porta a quella cifra. Per il 2021, inoltre, considerando il triennio fino al rendiconto 2019 (il rapporto sale a 27,84 %), la capacità scende a zero perché sarebbe necessario scendere sotto la soglia demografica di riferimento, cioè bisognerebbe essere “più che virtuosi”.

Ma il paradosso – si osserva nella lettera ricordando che molti commentatori hanno giudicato questa situazione incomprensibile – è che se il Comune di Modena si collocasse sopra la soglia più alta e non fosse virtuoso (cioè con un’elevata incidenza della spesa di personale sulle entrate correnti) avrebbe la possibilità di applicare il turn over con un percorso graduale di riduzione fino al 2025 con una capacità assunzionale pari a tre milioni di euro, cioè quasi dieci volte superiore a quella attuale, consentita dal decreto, che è di 375 mila euro.

“Un meccanismo inaccettabile – è il commento nella lettera – che penalizza gli enti virtuosi e premia gli enti non virtuosi”.

Togliendo un inciso al decreto, però, ci potrebbe essere un parziale rimedio alla situazione. Eliminando dal comma 2 dell’articolo 5 il passaggio che conferma il “limite di cui alla tabella 1 dell’articolo 4 comma 1”, infatti, il Comune di Modena, nel periodo transitorio 2020-2024, potrebbe utilizzare le residue capacità assunzionali antecedenti al 2020, che equivalgono a un milione e 265 mila euro. Ed è questa la richiesta con la quale si chiude la lettera al presidente Conte.

Azioni sul documento