Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2020 / Luglio / SCOTT HAMILTON QUARTET, ARRIVA IL JAZZ AI GIARDINI D’ESTATE
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

17/07/2020

SCOTT HAMILTON QUARTET, ARRIVA IL JAZZ AI GIARDINI D’ESTATE

Domenica 19 luglio alle 21 serata a cura di Amici del Jazz per Modena Jazz Festival 2020. Ingresso gratuito su prenotazione, posti numerati, mascherina, distanziamento anti-covid

Arriva a Modena in quartetto ai Giardini Ducali Scott Hamilton. Il musicista, che da molti anni calca i migliori palcoscenici come leader della sua formazione o a fianco di mostri sacri del jazz, dal lirismo di Ben Webster alla passionalità di John Coltrane, sale sul palco dello spazio verde del centro domenica 19 luglio alle 21, con Sandro Gibellini (chitarra), Paolo Benedettini (contrabbasso) e Alfred Kramer (batteria).

Hamilton è così il primo ospite delle serate del Modena Jazz Festival, a cura degli Amici del Jazz, che si svolgono ai “Giardini d’Estate”, la rassegna curata da Ert nell’Estate modenese del Comune con sostegno di Hera e Fondazione di Modena.

L’ingresso alla serata è gratuito con posti contingentati e prenotazione obbligatoria via e-mail (biglietteria@emiliaromagnateatro.com) alla biglietteria del Teatro Storchi (da giovedì a sabato 10 - 14, tel. 059 2136021) o, in caso di disponibilità, anche al botteghino ai Giardini Ducali (da un’ora prima dello spettacolo).

Scott Hamilton, spiegano gli Amici del Jazz di Modena, è interprete di una musica straordinariamente elegante, dal fraseggio e dal sound affascinanti, che già negli anni Settanta, quando la tendenza più diffusa era quella di sondare alternative sonore particolarmente aggressive, lo impose per la dolcezza del suo sassofono e l’immaginazione creativa. Nato nel 1954 a Providence, Rhode Island, Scott Hamilton ha iniziato presto a incidere album per la Concord Records e a essere oggetto di autentica sorpresa ed eccitazione tra i devoti di questo stile e nell’intero panorama musicale. Ha pubblicato più di trenta album, il più recente è Round Midnight in compagnia di un altro straordinario sassofonista classico: Harry Allen.

Il Modena Jazz Festival è una rassegna che dura a ogni edizione tutto l’anno, e ha prodotto finora circa 300 concerti con i più importanti artisti della scena nazionale e internazionale come, tra gli altri, Bobby Watson, Enrico Rava, Ray Mantilla, Gary Bartz, Bennie Maupin, Paolo Fresu, Tullio De Piscopo, Johnny O’ Neal, Steve Kuhn, Wayne Escoffery, Fabrizio Bosso, Carlo Atti, Dario Cecchini, Felix Pastorius, Mike Clarke e tanti modenesi fra cui Luciano Bruni, Glauco Zuppiroli, Achille Succi, Stefano Calzolari, Lorena Fontana, Andrea Burani, Ivan Valentini, Giulio Stermieri.

L’edizione di quest’anno è stata ridotta a causa del Covid-19, ma interesserà comunque anche la provincia di Modena. Durante il lockdown l’associazione Amici del Jazz ha sostenuto i lavoratori dello spettacolo proseguendo le sue attività con trasmissioni sui social e sulla televisione regionale Lepida Tv.

Tutti gli appuntamenti dei Giardini d’Estate si svolgono in sicurezza e applicando le disposizioni dei decreti anti Covid – 19 (mascherine, distanziamento, disinfettanti…) con l’assistenza sul posto del personale di sala.

Informazioni sul sito internet di Ert (www.modena.emiliaromagnateatro.com).

I Giardini d’Estate tornano martedì 21 luglio con la prefinale del Festival Cabaret Emergente (ingresso 12 euro, prevendite aperte, info al tel. 333 7984821).

Il programma è anche sul sito del Comune (www.comune.modena.it/estate2020).

Azioni sul documento