Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Orari dei pubblici esercizi

I pubblici esercizi hanno libera scelta in materia di orari di apertura e chiusura.

L'articolo 31 del decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201 (decreto Salva Italia) dispone che «le attività commerciali, come individuate dal decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114, e di somministrazione di alimenti e bevande, sono svolte, tra l'altro, senza i seguenti limiti e prescrizioni: (…) d-bis) il rispetto degli orari di apertura e di chiusura, l'obbligo della chiusura domenicale e festiva, nonché quello della mezza giornata di chiusura infrasettimanale dell'esercizio».

Restano tutte valide le disposizioni nazionali e regionali sull’obbligo di comunicazione al pubblico dell’orario praticato da ogni singolo esercizio, tramite l’esposizione di appositi cartelli o altri mezzi idonei.

Per quanto riguarda gli orari di somministrazione dei dehors esterni, su suolo pubblico o privato, vige, quando non diversamente disposto da ordinanze contigibili ed urgenti, l’obbligo di osservare gli orari indicati nell’Ordinanza Sindacale n. prot. 172028/2003, che prescrive che i pubblici esercizi, autorizzati alla somministrazione all’esterno, devono cessare, in tali aree esterne, la somministrazione alle ore 24 con conseguente sgombero dell’area entro tale orario; il venerdì e i prefestivi possono cessare la somministrazione con conseguente sgombero dell’area alle ore 2.