Tu sei qui: Home / Atlante delle architetture del '900 di Modena

Presentazione

L'Atlante web delle Architetture del '900 di Modena propone i contenuti degli atlanti pubblicati nei volumi "Città e architetture. Il Novecento a Modena", del 2012 e “Città e architetture industriali. Il Novecento a Modena” del 2015, entrambi editi da Franco Cosimo Panini Editore e dal Comune di Modena. I volumi, con le schede che costituiscono gli atlanti, sono articolazioni e principali prodotti dell’unitario progetto "Città e architetture a Modena nel Novecento" ideato e promosso dall'Ufficio Ricerche e Documentazione sulla Storia urbana del Comune di Modena, con la collaborazione dell’Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e l’impegno degli assessorati alla Programmazione del Territorio e ai Lavori Pubblici del Comune di Modena.

L’ampio quadro delle alte competenze scientifiche e delle collaborazioni coinvolte è stato arricchito dall’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Modena, da imprese e associazioni protagoniste di un lungo e complesso processo di formazione della città contemporanea. In particolare per il primo volume hanno contribuito: ACER (Azienda Casa Emilia-Romagna della Provincia di Modena), CME (Consorzio Imprenditori Edili), ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili di Modena), Abitcoop, Gruppo HERA. Il secondo volume ha visto il contributo del Consorzio Attività Produttive Aree e Servizi.

La chiave metodologica e disciplinare adottata dal progetto è quella della storia urbana costruita attraverso un approccio multi e interdisciplinare e finalizzata all’informazione dei cittadini, per la diffusione di una adeguata conoscenza culturale della città costruita, quale servizio offerto dall’Amministrazione Comunale. Il binomio città-architetture ha avuto molti significati nel corso del Novecento e sono molteplici i temi e i percorsi che caratterizzano Modena, nella sua specificità e in relazione ad altri casi nazionali ed europei. La complessità dei processi di formazione della città del Novecento, che si è intesa restituire, ha motivato una scelta di edifici e spazi rappresentativi di storie e non solo di valori architettonici formali. Dunque non la storia di pochi masterpieces, ma dell’intera città e delle sue diverse forme. I temi individuati si collegano fra loro, nell’intreccio delle vicende e delle problematiche affrontate. Tale impianto è stato più ampiamente esplicitato dai numerosi altri prodotti realizzati come mostre e video-documentari e da convegni e lezioni aperti ad un pubblico specialistico e alla comunità dei cittadini.

La versione web degli atlanti consente una progressiva implementazione di ulteriori schede conoscitive, relative a spazi urbani e architetture selezionate con i medesimi criteri degli atlanti pubblicati. Si tratta quindi di un percorso dinamico e continuo, che ha visto alla fine del 2020 la pubblicazione di nuove schede. Sempre on line è consultabile la mappa delle architetture del Novecento.

Il volume "Città e architetture. Il Novecento a Modena", di cui l'Atlante con le 101 architetture costituisce una parte, si compone di 15 saggi storici, che analizzano le dinamiche politiche, economiche e progettuali, alla base del panorama urbano modenese contemporaneo confrontate con le vicende italiane ed europee dell’architettura e dell’urbanistica. Particolarmente importante è poi il contributo fotografico di Gabriele Basilico, che ha realizzato 25 scatti inediti di edifici, spazi urbani, parchi, creando un racconto fotografico indicativo del valore del pensiero visivo e delle immagini per la conoscenza delle città. Completa il volume la mappa degli edifici.

Gli autori e i curatori del volume sono: Carlo Olmo, Fulvio Irace, Federico Oliva, Giovanni Leoni, Vanni Bulgarelli, Lucio Fontana, Andrea Giuntini, Piero Orlandi, Claudio Fornaciari e Anna Taddei, Claudio Colombini, Elisabetta Ansaloni Zivieri, Gianfranco Guerzoni e Grazia Nicolosi, Matteo Sintini e Federico Ferrari, Catia Mazzeri, Alessandro Ghinoi.

Il volume è oggi esaurito. Alcune copie possono essere presenti presso le librerie cittadine. I volumi sono disponibili per la consultazione e il prestito presso la Biblioteca civica d'arte "L. Poletti" (Palazzo dei Musei, viale Vittorio Veneto 5) e presso la Biblioteca civica "Antonio Delfini" (Corso Canalgrande n.103).

Cliccando sull'icona del PDF qui sotto è possibile scaricare il colophon, l'indice, le presentazioni e il capitolo introduttivo al volume: Storia urbana, informazione e cultura della città. Il Progetto "Città e architetture a Modena nel Novecento"  a cura di Catia Mazzeri.

PDF900

 

 

 

Il volume "Città e architetture industriali. Il Novecento a Modena", di cui l'Atlante con 54 architetture industriali schedate, due macro schede sui Villaggi artigiani modenesi e sulla Ferrari di Maranello costituiscono una parte, si compone inoltre di 14 saggi storici e un folder di scatti fotografici realizzati da 5 giovani fotografi. Anche in questo caso le immagini integrano di suggestioni contemporanee la documentazione storica. L’Atlante propone alcune significative manifatture presenti nella provincia. Chiude la consueta mappa delle architetture.

I saggi storici sono di: Carlo Olmo, Matteo Sintini, Massimo Tozzi Fontana, Alberto Rinaldi, Lorenzo Bertucelli, Vanni Bulgarelli, Andrea Giuntini, Giovanni Leoni, Silvio Berni, Laura Domenichini, Claudio Fornaciari, Marcello Capucci, Rossella Ruggeri. La mappa degli insediamenti è elaborata da Alessandro Ghinoi. L'inserto fotografico presenta riprese di: Davide Baldrati, Gianluca Bertoncelli, Francesca Bologna, Sara Cavallini, Chiara Dazi. L'ideazione e la cura del volume sono di Vanni Bulgarelli e Catia Mazzeri.

Il volume è disponibile presso le librerie cittadine. Per la consultazione e il prestito i volumi sono presenti presso la Biblioteca civica d'arte "L. Poletti" (Palazzo dei Musei, viale Vittorio Veneto 5), la Biblioteca civica "Antonio Delfini" (Corso Canalgrande n.103), la Biblioteca “S. Brusco” del Dipartimento Economia “Marco Biagi” (viale J. Berengario 51).